La fuggitiva, anticipazioni 19 aprile: Arianna scopre la verità sulla Litium

La fuggitiva, anticipazioni 19 aprile: Arianna scopre la verità sulla Litium

Continua la ricerca della verità da parte di Arianna Comani, che farà delle scoperte clamorose sulla società finanziaria svizzera

Vittoria Puccini, nei panni di Arianna Comani, torna lunedì 19 aprile su Rai 1 per la terza serata della miniserie La fuggitiva, che si concluderà il 26 aprile.

Con un ascolto superiore ai 5 milioni nelle due serate precedenti, la fiction tiene con il fiato sospeso i telespettatori che aspettano di scoprire la verità: chi ha ucciso Fabrizio, il marito di Arianna.

Arianna in fuga per evitare l’arresto

Dopo essere stata accusata di essere l’assassina di suo marito, Arianna è in fuga dalla polizia e cerca di scoprire chi ha ucciso Fabrizio.

Con l’aiuto del giornalista Marcello Favini (interpretato da Eugenio Mastrandrea), dopo il presunto suicidio di Matteo Bonzani, la donna riesce ad intrufolarsi nell’azienda dell’imprenditore Mauro Fusco e a recuperare alcuni file da un pc, che sveleranno la presenza della Litium, una società finanziaria svizzera che servirebbe per riciclare denaro di provenienza illecita.

Tra i beneficiari dei pagamenti di questa società anche Simone Comani, il figlio di Arianna e Fabrizio. Arianna, alla ricerca di Giuseppe Bondi, l’uomo che l’ha ferita nel conflitto a fuoco nell’azienda di Fusco, scopre il coinvolgimento del commissario Berti in questa losca storia.

La donna ha la prontezza di scattare alcune foto dell’incontro tra i due uomini, immagini che riuscirà a mostrare all’agente Michela Caprioli (interpretata da Pina Turco), che continua a darle la caccia.

La fuggitiva: le anticipazioni di lunedì 19 aprile

Alla ricerca della verità, Arianna e Marcello vanno a Lugano dove, aiutati da Franz, un consulente finanziario, amico di università del giornalista, saranno indirizzati verso una donna, Louise Bruno, che potrebbe avere delle notizie importanti per la risoluzione del giallo.

I due entreranno in casa della donna e arriveranno a sequestrarla, pur di farle svelare quali loschi affari ci sono dietro la Litium. Le rivelazioni saranno scottanti: la società finanziaria è legata al boss della ‘ndrangheta, Giuseppe Mannara.

Anche l’agente Michela farà delle scoperte che la lasceranno senza parole: indagando sul commissario Berti, scoprirà che la moglie è malata di cancro e l’uomo ha in mano un preventivo per delle cure costose negli Stati Uniti.