Autore: Antonio

2
Ago

Giochi del Mediterraneo, Taranto ci prova e sogna anche Lecce

I Giochi del Mediterraneo 2025 potrebbero giocarsi a Taranto.

Si sta parlando tanto in questo periodo dell’ assegnazione a Taranto dei Giochi del Mediterraneo 2025 . Dopo la comunicazione del comitato organizzatore dello scorso luglio che sottolineava come la città ionica fosse l’unica ad aver presentato il dossier per la candidatura, è giunto anche l’ ok del Consiglio dei Ministri. «Una bella notizia per tutti i tarantini e per la Puglia, non ci resta che incrociare le dita aveva detto Barbara Lezzi, ministro per il Sud». Adesso si attende con ansia la decisione del 24 agosto a Patrasso, durante l’Assemblea Generale del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo.

A Taranto potrebbe dunque svolgersi la venticinquesima edizione e sarebbe davvero un onore per Taranto, per la Puglia e per l’Italia intera. Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, si è battuto per la realizzazione di un evento che porterà notevoli benefici all’impiantistica della città. Benefici che giungeranno anche ai comuni della provincia ionica, ma anche ad altre città come Lecce, Matera, Monopoli e Brindisi tutte sedi che ospiteranno le varie discipline sportive.

Tanta attesa anche a Lecce: al Via del mare copertura totale?

Come spiegato in conferenza stampa dal presidente dell’Unione Sportiva Lecce Saverio Sticchi Damiani, se Taranto dovesse spuntarla in questa candidatura, Lecce potrebbe essere il polo principale per il gioco del calcio. E sono tante le opere strutturali previste se dovesse arrivare l’ok da Patrasso il 24 agosto. Da tanto, ad esempio, è prevista la realizzazione dello stadio del nuoto con la costruzione di una piscina olimpionica. A Lecce il «Via del Mare» avrebbe l’ok per la copertura totale, in tutti i suoi settori, un’opera strutturale richiesta da tanto tempo nel Salento.

Lo stadio di Taranto potrà tornare alla capienza massima di 27000 spettatori, cifra accantonata con l’inagibilità dell’anello inferiore protrattasi negli ultimi 15 anni. Proprio il primo cittadino di Taranto sembra fiducioso e ha voluto riverivendicare gli ultimi interventi in vista del prossimo campionato. «Campo B, manto erboso, spogliatoi e servizi igienici, seggiolini a norma, servizi di sicurezza, potenziamento dell’illuminazione, implementazione della convenzione, tutto pronto entro l’inizio della nuova stagione sportiva e non ci fermiamo qui perché i giochi del Mediterraneo saranno il volano di un restyling ancora più profondo.» Taranto e la Puglia intera non sono mai stati così uniti nella speranza di vincere. Insieme.