Autore: Antonio 2

Serie B

Fattaccio a Perugia, la squadra è retrocessa: macabro striscione in città. La foto diventa virale [FOTO]

La gara Perugia- Pescara di ieri è stata decisa ai rigori.

Il Perugia è retrocesso e le polemiche sono state tante. Ieri, ai rigori, la squadra umbra ha perso la serie B a vantaggio del Pescara, fortunato nella lotteria dei penalty. Il Perugia è quindi tornato in Serie C. I tifosi del grifo, hanno atteso la squadra all’uscita per contestarla e i cori sono stati davvero molto duri anche nei confronti della società.

Tanta rabbia, tanta tensione, con la polizia che ha presidiato la zona e circa un migliaio di tifosi presenti all’esterno del Curi. Poi il fattaccio: nella nottata è apparso anche uno striscione macabro che ha fatto il giro del web in poche ore. Quattro manichini appesi, di cui tre con le maglie del Perugia (9, 23 e 27), sono stati ritrovati al cavalcavia di via Trancanelli, la strada che collega Casenuove e Ponte della Pietra alla zona di San Sisto. Con i fantocci è stato appeso anche lo striscione - anonimo - con la scritta «Vi vogliamo cosi». Una protesta macabra, che ha sicuramente scioccato molte persone, anche alcuni tifosi dello stesso grifo. Di seguito la foto.

La cronaca di Perugia- Pescara

La gara è iniziata male per il Perugia. Al 15’ infatti è passato in vantaggio il Pescara con Pucciarelli: un vantaggio importante visto che il Pescara era già in vantaggio per l’andata vinta 2-1. Il vantaggio è però durato poco visto che al 18’ Kouan ha pareggiato per il Perugia. Poi al 40’ il gol di Melchiorri che ha riportato tutto in parità rispetto all’andata. Ai rigori, decisivi gli errori di Iemmello e Bonaiuto per il Perugia.