Autore: Luigi Mercantile

Inter

16
Set

Conte suona la carica: «Nemmeno il Barça sarà felice di affrontare l’Inter»

Il tecnico leccese ha parlato al sito Uefa della prossima avventura dell’Inter in Champions League.

Antonio Conte è molto carico per l’inizio della Champions League. Chi lo ha visto lottare per novanta minuti nel campo di gioco o sulla panchina dove urla, si dispera ed esulta come un tifoso ad ogni gol segnato, conosce bene lo spirito di uno degli allenatori più forti del mondo. Conte ha parlato con il sito della Uefa per la stagione di Champions League che inizierà domani e dove l’Inter sfiderà lo Slavia Praga: «Vogliamo rendere orgogliosi i nostri tifosi, giocare un calcio che li entusiasmi e con il quale possano identificarsi. Fissare obiettivi è difficile, vedremo strada facendo che cosa succederà. L’importante sarà non avere rimpianti e sapere che tutti hanno dato il 110%».

Conte, da allenatore, non ha mai preso parte ad una finale di Champions League, ma da giocatore ne ha vinta una, con la Juventus contro l’Ajax nel 1996, e ne ha perse tre sempre con la maglia dei bianconeri. E per questo motivo conosce bene le emozioni che scaturiscono dalla competizione più importante d’Europa: «Io l’ho vinta. Ho giocato quattro finali e ne ho perse tre, quindi conosco entrambe le sensazioni. So quanto sia difficile vincerla e quanto sia doloroso perdere in finale. Non mi piace parlare di fortuna, ma è il genere di competizione in cui un tiro che entra o esce dopo aver sbattuto sul palo può cambiare il corso di una stagione. Ci sono tanti fattori da considerare... lo stato di forma, le squalifiche, il calendario. Ma è normale, perché parliamo della competizione più importante».

Antonio Conte: La sfida con il Barcellona

L’Inter affronterà lo Slavia Praga nella giornata di domani e nel secondo turno sfiderà il Barcellona al Camp Nou, ma Conte non teme i blaugrana: «Sarà una sfida affascinante, di quelle che regalano motivazioni e che ti spingono a dare il massimo. Credo che neppure loro saranno felici di dover sfidare l’Inter. Noi abbiamo iniziato un percorso e vogliamo portarlo a termine nel miglior modo possibile. Affrontare le grandi squadre in Champions League è il modo migliore per crescere, per capire cosa ti manca per essere al top».