Autore: Liliana Terlizzi

PlayStation

Compra la PS5 su eBay ma riceve un mattone

Un 38enne residente negli Stati Uniti ha partecipato a un’asta su eBay per assicurarsi la PlayStation 5 ma gli è andata male: pur pagando un prezzo più alto del normale, ha ricevuto un mattone a casa.

Molti giocatori di tutto il mondo stanno avendo problemi ad assicurarsi una PlayStation 5, la console più attesa dell’anno.

La PS5 non si trova

Sony forse non si aspettava una così grande richiesta di console e ha prodotto un numero di esemplari al momento troppo basso per soddisfarla.

O forse è una strategia di marketing per farne parlare e per conferire alla PS5 questo alone di “rarità”?

Quel che è certo è che qualcuno ne sta approfittando per architettare vere e proprie truffe. Negli Stati Uniti ne è successa una che ricorda molto il «pacco» del cellulare che avviene (anche) nei luoghi appartati di alcune città italiane.

Il 38enne americano e il mattone

La vittima dell’inganno è un 38enne residente nello stato dello Utah, che come tanti altri gamers in questi giorni di inizio dicembre ha cercato in ogni modo di procurarsi la console.

Giunto su eBay, ha notato una PS5 all’asta e ha deciso di prendervi parte. Alla fine è riuscito a vincerla, grazie all’offerta di 878 dollari, attualmente equivalenti a circa 720 euro.

Si tratta di un prezzo ben più alto di quello che Sony ha suggerito, ovvero 500 euro nel mercato europeo.

Un vero gamer, specialmente se benestante, non si dispera se, pur spendendo qualcosa in più, riesce ad accaparrarsi la console NEXT-GEN a pochi giorni dal lancio.

Il problema è che il 38enne è stato vittima di una truffa. Sì, perché nel giorno previsto per la consegna, al posto della PS5 a casa gli viene recapitato... un mattone di calcestruzzo. L’acquirente ci rimane malissimo e chiaramente denuncia l’accaduto alla polizia locale.

Per sua fortuna, tramite eBay, riesce a ottenere un rimborso della cifra spesa. Un episodio del genere dovrebbe spingere Sony ad accelerare una volta per tutta la produzione di nuovi esemplari, perché la richiesta è altissima e più ci si avvicina al Natale più persone la cercheranno. Siamo certi che anche per il colosso giapponese valga l’antico adagio «volere è potere».

A uno sfortunato gamer di mezza età è capitato di dover vendere la preziosa console. Il motivo? Sua moglie si era accorta che non era un purificatore d’aria, come aveva provato a raccontargli lui.