Autore: Paolo Marsico

UEFA Champions League

20
Feb 2020

Champions League, Atalanta-Valencia 4-1

Gli uomini di Gasperini passeggiano su un Valencia rimaneggiato dai tanti infortuni, imponendo il proprio gioco e mostrando la propria superiorità per tutto il tempo della gara.

Si era parlato nei giorni scorsi dell’appuntamento con la storia, per l’Atalanta di Gianpiero Gasperini, impegnata, alla prima partecipazione alla Champions Legue, negli ottavi di finale contro gli spagnoli del Valencia, al Meazza di Milano.

Appuntamento con la storia

La storia è stata fatta, la gara ha avuto un’unica protagonista, proprio i nerazzurri bergamaschi, assoluti padroni del campo, a dettare tempi e gioco. Il Valencia mai seriamente in partita, anche se però costretto dai numerosi infortuni a proporre una formazione assolutamente «sperimentale». 4-1 il risultato finale, per la verità mai messo in discussione considerata la qualità della prestazione della squadra bergamasca.

Nel primo tempo gara già chiusa

L’Atalanta sin dal primo minuto si dimostra audace e priva di alcun timore reverenziale nell’imporre i propri ritmi ed il proprio gioco all’avversario. Al sedicesimo minuto è gia 1-0 con Hateboer, passano poco più di venti minuti e dopo un’estenuante pressione all’area di rigore spagnola, Ilicic trova il raddoppio con un potente tiro dalla distanza.

Nella ripresa timida reazione del Valencia

Il secondo tempo mantiene lo stesso spartito, spagnoli bloccati nelle ripartenze e nell’applicazione di un azzardo di manovra e Atalanta che va ancora in rete, al minuto dodici con Freuler, che si presenta in area supera un difensore e lascia partire un tiro a giro che coglie impreparato l’estremo di difensore del Valencia. Passano cinque minuti ed ancora Hateboer lanciato sulla fascia destra si accentra e lascia partire un tiro che ancora una volta sorprende l’estremo difensore del Valencia.

4-0 e risultato che lascia tutta la serenità del caso anche in vista del ritorno in Spagna. Al ventunesimo del secondo tempo, un sussulto spagnolo targato Cheryshev fissa il risultato sul 4-1 lasciando agli iberici una lieve speranza per il ritorno, premettendo che si tratterebbe comunque di ribaltate pesantemente un risultato che ha comunque visto i bergamaschi padroni del campo per tutti e novanta minuti.

Sorpresa Atalanta, ma forse a pensarci bene, considerato anche il livello dell’avversario, nemmeno più di tanto. Sognare non costa nulla, il ritorno lascia a portata di mano i quarti finale, traguardo ancor più prestigioso ed ancor più impensabile ad inizio stagione.