Bridgerton: Shonda Rhimes crea il «Bridgerton-verse». Ecco lo spin-off su Queen Charlotte

Bridgerton avrà uno spin-off dedicato alla Regina Charlotte. Shonda Rhimes vuole creare un vero e proprio universo narrativo.

L’universo di Bridgerton si sta espandendo. Dopo i rinnovi di produzione che hanno permesso la realizzazione di altre tre stagioni della serie, Netflix e Shondaland creeranno un secondo show incentrato su Queen Charlotte e le sue origini, quindi un vero e proprio spin-off del fortunato franchise. Lo spin-off verrà scritto da Shonda Rhimes.

Bridgerton avrà uno spin-off: Shonda Rhimes sta sviluppando un universo narrativo dedicato al famoso franchise.

Jess Brownell, familiare alla casa produttrice Shondaland, ha lavorato alle prime due stagioni di Bridgerton, poi ad altre due serie Netflix di Shonda: Inventing Anna e Scandal. Brownell sarà lo showrunner e produttore esecutivo di Bridgerton, andando a sostituire Chris Van Dusen, che si è occupato del primo capitolo della serie.

La storia di Queen Charlotte sarà incentrata sulla sua ascesa al potere e, ovviamente, sulla sua vita amorosa. Il personaggio sarà completamente riscritto e avremo la possibilità di vedere una giovane regina, che nemmeno dei romanzi di Julia Quinn è stata raccontata. La regina Charlotte, interpretata da Golda Rosheuvel, è tra i personaggi preferiti dei fan, ma anche Violet Bridgerton e Lady Danbury saranno approfonditi nel nuovo show.

«Molti spettatori non avevano mai conosciuto la storia della regina Charlotte prima che Bridgerton la portasse al mondo, e sono entusiasta che questa nuova serie amplierà ulteriormente la sua storia e il mondo di Bridgerton», Ha detto Bela Bajaria, responsabile Netflix. Shonda Rhimes sta costruendo un vero e proprio universo a tema Bridgerton, in modo da garantire continuità e rendere unico lo show che tutti amano.

Portare Brownell come showrunner per le stagioni 3 e 4, e concentrarsi sulla linea narrativa della Regina Charlotte, consentirà a Shondaland di affermare il Bridgerton Universe nel panorama delle serie tv odierne. Chris Van Dusen non sarà presente come showrunner, ma si dedicherà alle riprese di post-produzione per la seconda stagione della serie originale, cioè la storia che racconterà la ricerca del vero amore di Anthony Bridgerton.

«Mentre continuiamo ad espandere il mondo di Bridgerton, ora abbiamo l’opportunità di dedicare ancora di più della piega di Shondaland a Bridgerton-verse», ha affermato Rhimes, CEO di Shondaland. «Abbiamo lavorato con Jess Brownell per oltre un decennio e da tempo desideravamo trovare il progetto giusto da mettere nelle sue mani. Quando è arrivato il momento di passare il testimone, sapevo che questa voce unica era vitale per il futuro dello spettacolo».