Autore: Alessandro Leonardi

Serie tv e Fiction - Anticipazioni - Cast - Streaming

Breaking Bad: «The Rise of Gus» è il prequel che Giancarlo Esposito vorrebbe vedere

Giancarlo Esposito, ovvero Gus Fring nella serie Better Call Saul, parla di un possibile prequel di Breaking Bad.

Better Call Saul arriva a concludersi con la sua ultima e sesta stagione, attesa per il 2021. Nel frattempo, Giancarlo Esposito, noto attore e co-protagonista nel precedente Breaking Bad con Bryan Cranston e Aaron Paul, ha proposto un’idea alquanto interessante. L’attore ha interpretato, sia nella prima che nella seconda serie, il personaggio di Gus Fring, uno degli antagonisti più riusciti degli ultimi tempi.

Giancarlo Esposito sul prequel di Breaking Bad

Adesso, vorrebbe tanto rivedere il suo personaggio in una serie prequel, interamente dedicata alle vicende precedenti, e che hanno portato il proprietario della famosa catena Los Pollos Hermanos a diventare uno dei boss della droga più temuti.

In un’intervista esclusiva per la testata Esquire, Giancarlo Esposito si è «confidato», divertendosi, con l’ipotesi di un possibile prequel di Breaking Bad, incentrato su Gus Fring. Esposito sembra già avere le idee chiare, tanto che ha già il titolo per la nuova serie, The Rise of Gus, che esplorerà la storia del personaggio in maniera più approfondita. Segue la dichiarazione dell’attore.

Leggi anche: Netflix, ecco il catalogo delle nuove uscite di gennaio 2021

Chi è Gus Fring?

«Ho tutta questa trama da qualche parte nella mia testa che proviene dalla regalità politica. Credo che Gus provenga dal mondo dell’ordine. Da qui proviene il suo ordine. Era in militare, era nell’esercito e lì ha acquistato l’abilità di osservare. Non sei in grado di comandare se prima non hai imparato a obbedire». - prosegue dicendo - «Per me, Gus aveva un ruolo di primo piano nelle gerarchie militari. Avrebbe potuto proseguire la carriera e guidare il paese, era alla sua portata. Ma ha scelto un percorso diverso per conquistare il proprio potere.»

Entrambe le serie tv, sia Breaking Bad che Better Call Saul, hanno già trattato alcuni dettagli sul passato di Gus, ma non è mai stata data una spiegazione completa e specifica sul motivo per cui è emigrato negli USA.

Sembra che il cileno sia arrivato in America durante la dittatura di Augusto Pinochet e abbia tramato sin dall’inizio di programmare la distruzione del Cartello della droga di Juarez. Oltre all’intervista e qualche idea su un probabile prequel, Esposito ha svelato che Better Call Saul dovrebbe entrare in lavorazione da marzo 2021.