Autore: Paolo Marsico

Inter

22
Feb 2020

Antonio Conte parla della gara contro la Sampdoria e dei problemi di formazione

Il tecnico dell’Inter fa il punto della situazione dopo il vittorioso impegno in Europa League

Il tenico dell’Inter ha parlato ai giornalisti alla vigilia dell’incontro con la Sampdoria a San Siro, per la venticinquesima giornata di campionato di serie A. L’Inter arriva dalla vittoria in trasferta europea contro il Ludogorets, in Europa League, e in campionato cerca la vittoria dopo la dura sconfitta della scorsa giornata contro la Lazio di Simone Inzaghi e Ciro Immobile. Sconfitta che è costata agli uomini di Conte, il primato in classifica ed anche il secondo posto dietro la Juventus.

Le parole di Conte

«Avendo giocato giovedì sera diventa difficile - ha dichiarato il tecnico leccese Antonio Conte - si ha un solo giorno per preparare la partita. Dobbiamo abituarci a questo tipo di situazione». La Sampdoria, è una squadra in salute nonostante l’ultima sconfitta che può far sembrare non ci fosse stata partita - spiega Conte - ma in realtà è una squadra viva, con un allenatore di grande esperienza come Claudio Ranieri e con giocatori come Fabio Quagliarella che sorprende ogni anno per qualità e spessore umano".

Corsa finalmente a tre

Il momento è cruciale, e l’Inter, insieme a Lazio e Juventus, è la protagonista di una stagione assolutamente avvincente. Stagione lontana parente dei monologhi visti nelle passate annate. Infatti la Juventus, in un modo o nell’altro è stata l’unica a dettare i tempi alle altre e le pretendenti, al massimo, a rincorrere senza mai annusare davvero il primato, se si esclude forse l’ultimo Napoli di Sarri.

Dubbi sulla formazione

Conte non si sbilancia sulla formazione ma racconta che Brozovic e Bastoni, non disponibili in Europa League, si sono allenati ieri con la squadra. Per i due giocatori dell’Inter, al momento non è ancora certa la loro presenza. Per i nerazzurri sarà una sfida molto impegnativa, i doriani infatti sono alla ricerca di una forma e di un identità precisa e distano dalla zona retrocessione solo di un punto.