Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

Quale verdura contiene più ferro? Ecco le migliori cinque

Quale verdura contiene più ferro? Ecco le migliori cinque

Quale verdura contiene più ferro? Spinaci, cavolo e bietola sono ai primi posti per la quantità di ferro che riescono a garantire, ma nella lista sono presenti anche altre verdure. Tra queste vi sono le lenticchie e fagioli. In particolare è sempre meglio prediligere tutti quegli ortaggi chiamati “a foglia verde” oppure anche tutti i legumi. A questa lista in realtà vanno aggiunti anche broccoli, rapa e ravanello. Certamente, nelle “migliori 5” compaiono le prime verdure citate.

Gli spinaci

Non è un caso che sia nato il cartone animato “Braccio di Ferro”, proprio per sottolineare che gli spinaci contengono un grande quantitativo di questa componente. Certamente, la percentuale è abbastanza elevata, dato che raggiunge il 36% circa del fabbisogno giornaliero di ferro.

Gli spinaci sono quindi tra le prime 5 verdure tra quelle che contengono più ferro. Importante anche sottolineare che gli spinaci possono essere consumati sia crudi sia cotti e soprattutto conditi anche nei modi più differenti. Oltre a questo, contengono anche diverse vitamine, tra cui soprattutto la A, la K e la C, ma anche molti Sali minerali. Tra questi soprattutto magnesio, calcio, ferro e sodio.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il pane congelato è cancerogeno? Fate attenzione!

Il cavolo

Il cavolo è un’altra tra le verdure che contengono la maggior quantità di ferro. Importante anche sottolineare che sono ricchi di componenti dalle proprietà antiossidanti, come ad esempio i flavonoidi.

Tali ingredienti consentono di rallentare il processo di invecchiamento e soprattutto garantiscono un ottimo risultato anche per l’apparato cardiaco e circolatorio. Oltre ad un’ampia quantità di ferro, il cavolo contiene anche zolfo, calcio, selenio, magnesio, potassio, fosforo, rame, sodio.

TI POTREBBE INTERESSARE: La cicoria è diuretica? Ecco la risposta dell’esperto

Bietola

La bietola contiene 1,8 mg di ferro per 100 grammi di prodotto, che non è una grandissima quantità, ma certamente le permette di stare tra le verdure che maggiormente contengono questa componente.

Il ferro viene facilmente assimilato dall’organismo, soprattutto grazie alla presenza della vitamina C, contenuta sempre in questa verdura. Tale vitamina favorisce la digestione di ferro. La bietola è anche molto importante perché favorisce una grande quantità di acido folico, utile per garantire lo sviluppo delle cellule e il loro funzionamento. Importantissime anche le numerose fibre che contiene.

TI POTREBBE INTERESSARE: Farina: come conservarla, ecco alcuni consigli utili

Lenticchie e fagioli

Anche le lenticchie e i fagioli fanno parte delle verdure che contengono una buona quantità di ferro. Certamente, l’ideale sarebbe consumare soprattutto le verdure con le foglie verdi, ma ciò non toglie che anche i legumi rientrino nelle verdure ricche di ferro.

In particolare, le lenticchie sono anche ricche di una gran quantità di carboidrati, una buona quantità di fibre, molte vitamine, tra cui la A, B1, B2, C, PP. Oltre a tutte queste componenti, ci sono anche tantissimi sali minerali come calcio, potassio e ferro e una quantità davvero minima di grassi.

Gli stessi Sali minerali appena citati sono contenuti anche nei fagioli, che ovviamente oltre ad essere ricchi di ferro, sono anche importanti per il sistema cardiaco, colesterolo, invecchiamento della pelle.

TI POTREBBE INTERESSARE: Durian, il frutto più amato in Oriente: ecco le sue caratteristiche

Le altre verdure

Come si è visto, le 5 verdure nominate sono tra quelle che contengono più ferro, anche se ciò non significa che le altre verdure non ne contengano, anzi. Molto ricchi di ferro sono anche i broccoli, la soia, altri tipi di legumi ed anche rapa e ravanello. Si deve anche sottolineare che l’ideale sarebbe sempre chiedere ad un esperto, nel caso si voglia seguire un tipo di alimentazione che riesca ad apportare una maggiore quantità di ferro.

Nel caso si avessero problemi con questa componente, sarà proprio il medico o l’esperto a consigliare alla persona cosa deve fare, e soprattutto quali analisi deve svolgere anche per verificare quale sia la causa dell’assenza di ferro.