Autore: Luca Macaluso

Salute - Alimentazione - Benessere

Il pane congelato è cancerogeno? Fate attenzione!

Da tempo si crede che il pane congelato sia cancerogeno. Sarà davvero così?

Il pane è uno di quegli alimenti che non può assolutamente mancare sulla tavola. Tuttavia, al giorno d’oggi si fa sempre più fatica ad averlo fresco tutti i giorni, in quanto si corre da una parte all’altra. Per tale motivo, spesso si tende a comprare un quantitativo di pane maggiore rispetto a quello che serve e a congelarlo. Congelare il pane, è però, una buona abitudine oppure può fare male alla nostra salute? Il pane congelato è cancerogeno? Nei prossimi paragrafi daremo una risposta a questa domanda.

Consumare il pane congelato non fa male

Negli ultimi anni si è diffusa la convinzione che il pane congelato sia cancerogeno. In realtà non è affatto così, anzi mangiare del pane precedentemente messo sotto zero non fa affatto male. La credenza che il pane congelato sia cancerogeno sia è probabilmente diffusa in seguito a studi che hanno dimostrato come il congelamento cambiasse la struttura degli amidi presenti in questo alimento.

TI POTREBBE INTERESSARE:I cardi si possono mangiare crudi? Questa la risposta

Si tratta però, soltanto di un cambiamento organolettico del prodotto che non costituisce un pericolo per la salute. E ciò è chiarito anche dalla scienza visto che non esistono studi che dimostrano il contrario circa il pane congelato. Ovviamente, però, è importante congelare il pane nel modo giusto.

Consigli per congelare il pane nella maniera corretta

Come detto, per essere sicuri di mangiare pane non pericoloso per la salute, è importante congelarlo nella maniera corretta. Innanzitutto bisogna sapere che il pane non può restare in freezer per oltre due mesi, per cui prima di congelarlo è opportuno scrivere la data sul sacchetto prima di riporre il pane nel congelatore.

TI POTREBBE INTERESSARE: Si può mangiare scamorza a dieta? La risposta del nutrizionista

Ovviamente è importante anche scongelarlo nella maniera giusta prima di consumarlo. Esistono diversi metodi per farlo, il primo e più semplice è quello di lasciarlo scongelare a temperatura ambiente. Per farlo in questa maniera, bisogna togliere il pane dal freezer diverso tempo prima, in quanto ci vogliono diverse ore per arrivare allo scongelamento completo. In alternativa è possibile utilizzare la funzione defrost del fornetto scaldavivande stando però attenti alla temperatura che non deve essere elevata altrimenti si rischia di tostarlo più che di decongelarlo.

Infine è possibile usare il fornetto a microonde facendo attenzione al contenitore in cui si ripone il pane che deve essere in ceramica semplice o al massimo in vetro. Oltre al microonde, si può usare il forno da cucina avendo cura di preriscaldarlo a 175 °C ed impostare il timer per circa 40 minuti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cos’è la pitaya e come si mangia