Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

8
Mar 2020

Farina: come conservarla, ecco alcuni consigli utili

Farina: come conservarla, ecco alcuni consigli utili

Farina: come conservarla? La farina è uno degli ingredienti che solitamente nelle cucine non mancano mai. Può essere utilizzata per una serie molto ampia di ricette, e di solito numerosi piatti ne richiedono l’uso. Il fatto però che venga venduta da pacchi da 1 kg, tende a farla conservare, anche perché non sempre ne serve 1 kg, per determinate ricette.

Proprio per questo, è bene conservarla al meglio, in luoghi asciutti, lontani dall’umidità ma anche da luoghi troppo freddi. Oltre a questo è bene anche fare attenzione per gli insetti: esistono diversi metodi per tenerli lontano.

Come conservare la farina evitando gli insetti

Gli insetti che possono proliferare in cucina sono o formiche o le famose farfalline che si annidano in alcune scatole, soprattutto nel periodo primaverile. Per conservare al meglio la farina e tenere lontano soprattutto le farfalline, è meglio mettere in pratica alcuni accorgimenti importanti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il magnesio alza la pressione? Ecco la verità

Primo fra questi il fatto di tenere sempre pulita la cucina e possibilmente lavare i vari ambienti, angoli e anche ante con appositi prodotti. Se si preferisce usare rimedi naturali, l’ideale sarebbe utilizzare acqua e aceto bianco, il cui forte odore riesce a tenere lontano questi insetti. In alcuni casi è possibile utilizzare anche acqua e ammoniaca, anche se quest’ultima è sconsigliata da utilizzare in cucina, perché poi potrebbe anche essere assorbita da alcuni cibi, che diventerebbero immangiabili.

Per conservare al meglio la farina è molto utile anche cercare di richiudere bene il sacchetto che la contiene, ma esistono anche altri rimedi. Uno tra questi, utile sempre per tenere lontano gli insetti dalla farina, è il fatto di coprire la base delle ante delle credenze con fogli di carta ricoperti da qualche goccia di olii essenziali, come ad esempio lavanda o anche eucalipto.

Questi forti odori allontanano sempre le farfalline. Rimane il fatto che se queste fossero già presenti nella farina, allora quest’ultima dovrebbe essere gettata via. Oltre a questo rimedio può essere utile anche mettere sui fogli di carta anche delle bucce d’arancia, con all’interno dei chiodi di garofano.

TI POTREBBE INTERESSARE: Mangiare formaggio tutti i giorni: ecco cosa accade al nostro corpo

Tale soluzione però deve essere sostituita puntualmente con nuove bucce, anche perché altrimenti attirerebbe muffe o altri insetti. I rimedi descritti finora non sono gli unici però che possono essere utilizzati per poter conservare la farina. Gli altri riguardano le giuste temperature e il rispetto delle corrette caratteristiche degli ambienti in cui la farina viene tenuta.

L’ambiente e la temperatura giusta per conservare la farina

Per conservare la farina è bene fare attenzione a mantenere una certa temperatura, che non sia né troppo fredda, ma nemmeno troppo calda. A tal fine gli esperti consigliano di mantenerla sempre in ambienti la cui temperatura è compresa tra i 10° C e i 25° C.

A tal fine si sottolinea che è assolutamente sbagliato riporre la farina nei sacchetti trasparenti che spesso vengono utilizzati per la conservazione degli alimenti. Ancora più sbagliato è il fatto di riporre tali contenitori all’interno del freezer. In questi casi la farina diventerebbe inutilizzabile e si rischierebbe anche di incorrere in delle controindicazioni se la si utilizzasse dopo averla sottoposta a temperature simili. Oltre a questo, evitare anche ambienti umidi, che potrebbero solo generare muffe.

TI POTREBBE INTERESSARE: Mangiare limone tutti i giorni, ecco cosa accade al nostro corpo

Queste verrebbero causate anche da ambienti bui. Importante anche evitare di conservare la farina all’interno di luoghi che presentano odori molto forti, a meno che non siano provenienti da ingredienti naturali. La farina infatti tende ad assorbire questi ultimi e poi a sviluppare germi e batteri. Al fine di ottenere una conservazione ottima inoltre sarebbe opportuno anche tenere i pacchi di farina lontani da correnti d’aria.

Se poi si desidera togliere la farina dal contenitore di carta con il quale viene spesso acquistata, è possibile inserirla in un recipiente di vetro. In questo caso ci si deve però assicurare che sia chiuso in modo ermetico. Certamente, va anche ricordato che una volta che si è aperto il pacco di farina, l’ideale sarebbe consumare quest’ultimo nel più breve tempo possibile, senza far passare troppi giorni.