Autore: Melina Forte

Fiat - Peugeot

4
Nov

Classifica mondiale dei costruttori: cosa cambia con l’accordo Fca-Psa?

Vediamo cosa cambia nella classifica mondiale dei costruttori di auto con l’annuncio dell’accordo Fca-Psa, che gli esperti non ritengono alla pari.

L’accordo FCA-Psa ha comportato degli enormi stravolgimenti nella classifica mondiale dei costruttori di auto.
La classifica dei 10 maggiori produttori mondiali di auto si basa sulle immatricolazioni di auto e sui veicoli commerciali prodotti nel 2018. Mentre la testa della classifica è rimasta sostanzialmente invariata, la fusione tra Fca e Peugeot ha rappresentato un grande terremoto per la parte centrale. Vediamolo nel dettaglio.

Cosa cambia nella classifica dei primi 10 costruttori di auto

Se nelle prime tre posizioni ritroviamo in ordine il Gruppo Volkswagen con 10,8 milioni di unità vendute grazie ai suoi numerosi marchi (Vw, Audi, Bentley, Bugatti, Lamborghini, Porsche, Seat, Skoda e Vw Veicoli Commerciali), seguito da Toyota al secondo posto con 10,4 milioni di veicoli immatricolati e Renault-Nissan-Mitsubishi (che comprende i brand Dacia, Lada, Infiniti, Datsun e Samsung) al terzo con 10,3 milioni, vediamo che Fca-Psa ora sono balzate al quarto posto con 8,9 milioni di unità, lasciandosi alle spalle General Motors con 8,6 milioni di immatricolazioni. Invece, prima i due gruppi Fca e Psa erano rispettivamente all’ottavo posto e al nono.

LA nuova FCA-PSA fa retrocedere anche i coreani di Hyundai e Kia. Ricapitolando, al sesto abbiamo il Gruppo Hyundai Kia con 7.507.945 veicoli venduti, seguito al settimo posto da Ford con 5.734.306 veicoli venduti e all’ottavo da Honda con 5.265.125 unità vendute. Chiudono la classifica il gruppo della Mercedes con 2,3 milioni di veicoli e quello della BMW con 2,1 milioni di veicoli.

Fca-Psa, un accordo alla pari?

La fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e Peugeot Citroen è stata annunciata come un accordo alla pari: il nuovo gruppo sarà controllato al 50% dagli azionisti del gruppo Psa e al 50% dagli azionisti di Fca.
Così, è nato il quarto costruttore automobilistico al mondo con 8,7 milioni di veicoli venduti e oltre 400.000 i dipendenti. Il fatturato sarà di 200 miliardi di euro, con ricavi di quasi 170 miliardi di euro e utili di oltre 11 miliardi di euro.

Eppure, secondo gli analisti finanziari, è Peugeot che compra Fiat. Innanzitutto, perchè i valori di partenza sono differenti: prima dell’annuncio, Psa valeva 22,6 miliardi di euro, e Fca 18,5 miliardi. Poi, perché i francesi hanno pagato un premio di circa 6,7 miliardi per ottenere il controllo del consiglio: 6 membri su 11 compreso l’ad che sarà Carlos Tavares, l’attuale ceo del gruppo francese, mentre John Elkann sarà presidente.