Autore: B.A

Moto GP

Una voce clamorosa: Valentino Rossi si ritira! bufala o notizia boom, ecco cosa c’è di vero

Stando a quanto riporta il sito SpeedWeek.com, Rossi potrebbe lasciare la Moto Gp e in Yamaha arriverebbe Dovizioso.

Che il Gran Premio di Misano sia un appuntamento molto atteso da tutti gli appassionati di moto è una cosa risaputa. Il Gran Premio in Riviera Romagnola, che quest’anno a causa del Covid si ripeterà nel giro di 7 giorni, risulta molto atteso anche per vedere una ripresa da parte di Valentino Rossi e della sua Yamaha, che è uscita dal doppio appuntamento dello Spielberg in Austria, con le ossa rotte, con due gare piuttosto anonime.

L’attenzione era anche per un annuncio che avrebbe dovuto riguardare Valentino Rossi e il suo futuro, con probabile cambio di squadra per la stagione prossima. Ma l’annuncio che potrebbe arrivare sarebbe un altro e avrebbe del clamoroso, almeno stando a quello che riporta il sito “Speedweek.com”. Si parla di ritiro per il Dottore.

Valentino Rossi si ritira? Ecco cosa c’è di vero

«Proseguire anche nel 2021? Sarebbe bello, ma bisogna essere più competitivi del 2019. Altrimenti è meglio di no». Questo ciò che Valentino Rossi diceva a gennaio 2020 durante una intervista alla Gazzetta dello Sport. Valentino Rossi in pratica, ammise allora che la stagione 2020 poteva anche essere l’ultima della sua straordinaria carriera e che tutto sarebbe potuto dipendere dai risultati.

Dopo 25 anni di corse Valentino Rossi per la prima volta parlò di ritiro. Il Dottore veniva da stagioni piuttosto opache, mai in lotta per il titolo di Campione del Mondo e con pochi acuti durante gli ultimi anni, con il successo che manca da tempo, ed ancora oggi dopo le prime 5 gare della nuova stagione.

Quest’anno Rossi ha fatto un podio, un terzo posto, ma ancora una volta le sue gare sono sembrate anonime e non è stato mai in lizza per la vittoria. Una cosa che sicuramente ad un campionissimo come lui non va giù. Ecco perché c’è chi avvalora la tesi del ritiro, dopo una indiscrezione che molti considerano fake news da parte del sito Speedweek.com.

Secondo questo sito quindi, l’annuncio del Dottore potrebbe essere quello del ritiro dalle corse. Valentino Rossi si ritira! Una cosa che avrebbe del clamoroso e la sola voce (nessuna dichiarazione di Rossi o del suo enturage, per una notizia priva di qualsiasi ufficialità), ha destato clamore ampliando a dismisura l’attesa per il Gran Premio di Misano.

Dovizioso al posto di Rossi in Yamaha Petronas

Oltre ai risultati che sicuramente non sono dalla parte di Rossi, ci sono altri aspetti che danno manforte alla novità prodotta dal sito Speedweek.com, l’incidente in Austria tra Zarco e Morbidelli e il futuro di Andrea Dovizioso. Rossi è stato scosso dal terribile schianto tra Zarco e Morbidelli durante la prima gara allo Spielberg, con le moto dei due che sono partite come proiettili all’indirizzo del Dottore, sfiorandolo e sfiorando la tragedia.

Ad oltre 40 anni di età, potrebbe essere comprensibile per un pilota dire basta, è pur sempre uno sport molto pericoloso. Il pilota di Forlimpopoli Andrea Dovizioso invece, ha già annunciato che questa sarà la sua ultima stagione in casa Ducati. Ma ha anche annunciato che non sarà l’ultima stagione in Moto Gp.

Dal momento che oltre alle Aprilia, sembra che tutte le altre moto del Paddock sono occupate, si ipotizza che Dovizioso potrebbe prendere il posto di Rossi in Yamaha. E non sarebbe nel team ufficiale. Infatti da mesi è in corso una trattativa tra Valentino Rossi e il team satellite della casa del diapason, cioè il Team Petronas. Infatti le Yamaha M2 del team ufficiale per la stagione 2021, saranno di Maverick Vinales, confermato e di Fabio Quartararo, pilota italo francese oggi in Petronas.

Quindi Quartararo al posto di Rossi nel team ufficiale Yamaha, e Rossi al posto di Quartararo nel team satellite. Questo l’annuncio che ci si attendeva per il week end di Misano da parte di Yamaha e soprattutto di Valentino Rossi. Ma adesso lo scoop o la bufala di Speedweek.com, spariglia le carte e mette agitazione nell’intero mondo del motociclismo, almeno fino a quando Valentino Rossi non vorrà dire la sua.