Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Benessere

Stretching per i polpacci: i migliori esercizi

Lo stretching per i polpacci è molto utile per allungare i muscoli di questa zona del corpo. Risulta utile eseguirli prima e dopo l’allenamento, scopriamo quali sono i migliori esercizi.

Lo stretching è una pratica molto importante per non aver alcun problema ai muscoli, può essere eseguito in ogni parte del corpo ma in particolare è molto utile per le gambe. I muscoli degli arti inferiori sono infatti molto spesso soggetti a sforzi sia nella vita di tutti i giorni che durante l’attività sportiva.

Durante l’attività fisica è essenziale distendere e rilassare le fibre muscolari per non incorrere in rischi come ad esempio strappi o contratture, proprio per questo vogliamo suggerirvi alcuni esercizi di stretching per i polpacci.

Esercizi di stretching per i polpacci

Gli esercizi di stretching andrebbero svolti ogni volta che si sente necessità di allungare i muscoli. Non si dovrebbe mai dimenticare di svolgere questi esercizi per i polpacci prima di iniziare un allenamento alle gambe oppure prima e dopo aver fatto una corsa. Uno dei migliori consiste nel posizionarsi in piedi davanti a una parere tenendo una gamba flessa.

L’altra gamba deve essere stesa tenendo al pianta del piede ben fissa a terra. Piegate poi il busto in avanti facendo attenzione a tenere i gomiti appoggiati alla parete. Mantenete la posizione per almeno mezzo minuto e successivamente ripetete lo stesso esercizio anche con l’altra gamba.

In alternativa all’esercizio appena descritto, è possibile praticarne uno differente sempre allo scopo di far lavorare i muscoli dei polpacci. Posizionatevi in piedi e flettete una gamba tenendo la pianta del piede salda a terra. Allo stesso tempo stendete l’altra gamba appoggiando il tallone sul terreno.

LEGGI ANCHE: Braccia toniche con i migliori esercizi da fare a casa

Piegate in avanti il busto e toccate la punta del piede sollevato con le punta delle dita delle mani. Facendo questo movimento assumerete una posizione totalmente parallela al pavimento. Restate in questa posizione per circa 30 secondi e successivamente ripetete lo stesso esercizio anche con l’altra gamba.

Un altro esercizio molto utile può essere eseguito partendo dalla posizione seduta. Tenete le gambe chiuse e distese, le mani devono essere tenute invece a terra dietro al busto. Flettete la gamba appoggiando il piede della gamba stessa all’esterno dell’altro ginocchio. Ruotate il busto e anche la testa nella direzione opposta spingendo lentamente il ginocchio. Restate in questa posizione per 30 secondi e poi ripetete anche per l’altra gamba. Questo esercizio è in grado di dare grandi benefici anche ai muscoli abduttori.

L’ultimo esercizio di stretching che vogliamo suggerirvi, permette di alleviare la pesantezza delle gambe e risulta quindi ottimo da praticare dopo una giornata in cui siete stati molto in piedi. Portatevi con la schiena al pavimento e sollevate entrambe le gambe in alto facendo attenzione a non tenerle rigide. Effettuate dei piccoli movimenti con le gambe come i colpi di pinnata. In alternativa potete anche effettuare 20 circonduzioni in senso orario e 20 in senso antiorario. Eseguite il movimento per mezzo minuto e ripetete 2 volte