Autore: Isabella Barbusca

Automobili - Nissan

Nissan ritarda l’inizio della produzione del nuovo Qashqai fino al 2021

La nuova generazione di Nissan Qashqai inizierà la produzione più tardi di quanto inizialmente previsto

Secondo un recente rapporto, la nuova generazione di Nissan Qashqai inizierà la produzione più tardi di quanto inizialmente previsto. Nonostante l’azienda non abbia rivelato fino ad ora nessuna data, nemmeno una stima, si riteneva che la produzione che dovesse partire il prossimo ottobre, anche se ora è stato posticipato fino al prossimo aprile 2021.

Nuova Nissan Qashqai: debutto rinviato ad aprile 2021

Per tutta l’estate abbiamo assistito alla comparsa di numerosi rapporti e annunci ufficiali che confermano il ritardo nello sviluppo, nel lancio o nell’inizio della produzione di molti modelli. Praticamente tutti questi ritardi hanno avuto la stessa causa, la recente crisi sanitaria causata dalla diffusione del coronavirus. L’arresto della stragrande maggioranza delle attività industriali e commerciali non essenziali è stato un duro colpo per tutte le aziende legate all’industria automobilistica.

Non sorprende quindi che, una volta riattivate le loro operazioni, le case automobilistiche siano state costrette a riorganizzare le agende di tutte le loro divisioni, dal momento che per tutto il tempo in cui sono rimaste ferme durante la prima metà dell’anno dovranno essere recuperate in qualche modo. Pertanto, i ritardi nelle agende di dipartimenti come Marketing e Comunicazione sono tanto inevitabili quanto visibili dall’esterno. Uno dei modelli che avrebbe dovuto entrare in produzione alla fine di quest’anno è proprio la nuova generazione della Nissan Qashqai.

Il successore del crossover compatto della casa giapponese sta per completare il suo sviluppo e la sua produzione, sebbene non ufficialmente confermata, doveva iniziare ad ottobre. Secondo un recente rapporto del quotidiano Financial Times, Nissan ha preferito ritardare questa data fino alla prima metà del prossimo anno.

Il marchio non ha confermato o smentito questo rapporto, ma in risposta a una domanda della pubblicazione Autocar, hanno confermato che il lancio del modello non avverrà prima di diversi mesi. Financial Times assicura che anche l’azienda ha preferito attendere la Brexit. Per avere un po’ più di margine di manovra nel caso in cui la situazione peggiorasse.