Autore: Luca Macaluso

Salute - Alimentazione - Benessere

Mangiare peperoncino fa bene? Ecco la verità

Il peperoncino ha molte proprietà benefiche, ma fa davvero bene? Ecco ciò che c’è da sapere

Il peperoncino è una spezia molto usata in cucina soprattutto per insaporire le pietanze evitando così di utilizzare troppo sale. Questo alimento è utilizzato soprattutto nella cultura gastronomica del Messico, ma anche qui in Italia ha trovato terreno fertile. Sono molte le persone che amano il cibo piccante ed arrivano spesso a consumarlo con regolarità, anche tutti i giorni. Tuttavia, ci si chiede sempre più spesso se mangiare il peperoncino faccia davvero bene alla nostra salute oppure in qualche modo potrebbe danneggiarci. In questo articolo vedremo qual è la verità su questa spezia tanto conosciuta ed utilizzata.

TI POTREBBE INTERESSARE: Perchè è difficile digerire i peperoni? Ecco tutta la verità

Le proprietà benefiche del peperoncino

Il peperoncino è una spezia dalle spiccate proprietà benefiche. Innanzitutto è composta principalmente da acqua per cui ha pochissime calorie. Oltre all’acqua presenta anche altre sostanze nutritive, in particolar modo sali minerali e vitamine. Questa spezia ha un’alta concentrazione di acido ascorbico (vitamina C) fondamentale per il buon funzionamento del sistema immunitario, e per combattere l’invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi.

Altra vitamina presente nel peperoncino è la vitamina A, fondamentale per proteggere la vista e l’apparato muscolo-scheletrico. Buono anche l’apporto di vitamina E e di polifenoli. Quest’ultimi sono sostanze antiossidanti e sono, dunque, importanti per il benessere generale del nostro organismo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il tonno contiene mercurio? Ecco la verità

Mangiare il peperoncino fa bene, ma con moderazione

Viste le sue proprietà, mangiare il peperoncino fa davvero bene. Questa spezia è un antidolorifico naturale ed infatti è in grado di attenuare e lenire i dolori muscolari, quelli mestruali e persino il mal di denti. Inoltre svolge un’azione protettiva della mucosa gastrica prevenendo l’insorgenza dell’ulcera. Perfetto per chi lotta da sempre contro i chili di troppo visto che è in grado di accelerare il metabolismo grazie alla capsaicina, una molecola presente al suo interno che sfrutta il meccanismo del calore per bruciare i grassi in eccesso.

Stando ad alcuni studi recenti, poi, il peperoncino è antitumorale, in quanto è in grado di uccidere le cellule tumore ed aiuta a prevenire l’insorgenza del cancro, in particolare quello dell’apparato digerente. Infine, aiuta a mantenere sano il cuore, in quanto aumenta la fluidità del sangue e mantiene costante la pressione arteriosa.

TI POTREBBE INTERESSARE: La trippa si può congelare? Ecco la risposta che sorprende

Tuttavia, come in tutte le cose non bisogna mai esagerare per evitare di avere degli effetti contrari a quelli desiderati. Nel caso in cui si soffra di reflusso gastroesofageo, ad esempio, non bisognerebbe assumerlo troppo e se è possibile evitarlo del tutto, in quanto potrebbe peggiorare la situazione. In definitiva, si al peperoncino, ma con moderazione.