Autore: Isabella Barbusca

Formula 1

Ferrari punta al secondo posto per il 2021

Mattia Binotto ha dichiarato che nel 2021 Ferrari cercherà di arrivare seconda in Formula 1 dato che Mercedes è irraggiungibile

La Ferrari pensa di poter provare a lottare ancora per il Mondiale nel 2022. A questo punto ci si chiede quali opzioni abbiano a Maranello per il 2021. Nonostante i limiti che esisteranno nell’aerodinamica e nel motore, la Scuderia vede la possibilità di concludere la prossima stagione come il secondo miglior team.

Il Covid-19 ha condizionato come sarà la stagione 2021 in Formula 1. Le grandi misure di risparmio che avverranno porteranno i team a competere praticamente con gli stessi strumenti del 2020 anche nel 2021, quindi sono previsti pochi cambiamenti.

Ferrari punta al secondo posto per il 2021

Saranno consentite poche modifiche all’aerodinamica, le ore di lavoro nella galleria del vento saranno ridotte e anche le modifiche alla centralina saranno limitate. Tuttavia, tutte queste restrizioni non sminuiscono l’ottimismo per la Ferrari, che vede il secondo posto possibile per il 2021. «Rispetto a qualche mese fa ci sono limitazioni che non si possono negare, ma possiamo migliorare la centralina per il prossimo anno e questo è un buon punto di partenza», ha evidenziato Binotto.

«Il regolamento impone limitazioni al numero di ore lavorabili al banco prova. Sappiamo che arriverà un nuovo propulsore, ma avremo meno opportunità di sviluppo di quelle che avremmo avuto in una situazione di totale libertà», ha ricordato il capo della Ferrari.

«Il motore è abbastanza congelato. Potremo apportare solo due modifiche che abbiamo già deciso. Nell’aerodinamica c’è più libertà, ma sono state anche introdotte limitazioni che hanno ridotto il numero di ore di utilizzo della galleria del vento», ha indicato.

«Ci sono dei limiti che riguardano un progetto che oggi ha uno svantaggio prestazionale rispetto ai migliori. Penso che possiamo migliorare da parte nostra, ma credo che in qualche modo sia sbagliato aspirare a battere la Mercedes perché oggi il distacco è enorme, ma il secondo Il posto deve essere considerato assolutamente un obiettivo possibile», ha detto il numero uno del team Ferrari per finire.