Autore: Dott.ssa Francesca Troiani

Alimentazione

Cosa mangiano i vegani al posto della carne? Ecco la risposta

Come sostituire le proteine animali nell’alimentazione vegana

Essere vegani è uno stile di vita che si esprime con il rifiuto di ogni forma di sfruttamento degli animali. A tavola significa non consumare prodotti di origine animale, oltre che alle uova, latte e suoi derivati e miele, in quanto se pur non essendo alimenti derivanti dall’uccisione, sono comunque presentati tradizionalmente come “incruenti” nei confronti degli animali.

Questo non vuol dire che i vegani mangiano solamente riso in bianco e verdure scondite o che la loro dieta non sia nutrizionalmente valida. Diventare vegani vuol dire scoprire e riscoprire tutto un mondo di cibi sani, gustosi e genuini e quello che spesso passa inosservato è che già molti dei piatti tradizionali della cucina mediterranea e non solo, sono vegani e che tantissimi altri possono facilmente divenirlo.

Le proteine si trovano solo nei cibi animali?

No. Le proteine si trovano anche in tutti i cibi vegetali, ma in diversa proporzione; quelli più ricchi sono i legumi (soia, fagioli, lenticchie), i semi oleaginosi e la frutta secca, i cereali (avena, farro, kamut, quinoa), il seitan, il tempeh, il tofu e le alghe.

Le proteine vegetali non hanno nulla da invidiare a quelle animali; la differenza tra i due tipi di proteine è dovuta al diverso contenuto di aminoacidi che le costituiscono; la combinazione di cereali e legumi (non necessariamente nello stesso pasto, ma anche nella stessa giornata) consente di ottenere un piatto completo e con un corretto valore proteico senza apportare inutili grassi saturi animali e colesterolo.

Alternative alla carne: alimenti e proteine che possono sostituirla

Sono tantissime le alternative sane e vegetali, in quanto la grande varietà di alternative presenti anche nel mercato della grande distribuzione, permette di sostituire le proteine animali con quelle vegetali.

  • Sostituire la carne con i legumi: da sempre fanno parte della nostra tradizione culinaria (ceci, lenticchie, piselli, fagioli, fave). Eccellente fonte di proteine vegetali.
  • Il seitan è un alimento derivante dalla lavorazione del glutine del frumento e per questo non è un alimento adatto ai celiaci. Ha un aspetto simile alla carne e un apporto proteico elevato (circa 20%).
  • Il tofu è un prodotto ottenuto dalla cagliata del latte di soia e dalla pressatura del risultato in blocchi. Molto ricco di proteine vegetali, adatto anche per chi soffre di celiachia.
  • Il tempeh è un alimento ottenuto attraverso un processo di fermentazione dei fagioli di soia gialli.
  • Il mopur, dall’aspetto simile alla bresaola, deriva dalla lavorazione e fermentazione del grano.
  • La micoproteina/quorn, parliamo di un fungo/muffa diventato elemento-chiave di una linea di prodotti da poco disponibile anche in Italia sotto forma di prodotti lavorati come burger e cotolette.