Autore: Chiara Ridolfi

ATAC - Sciopero - Comune di Roma - Tpl

26
Giu

Sciopero mezzi Roma oggi 26 giugno 2017: orari e info sulla protesta di lunedì

Oggi, 26 giugno 2017, sciopero dei mezzi a Roma. Ecco gli orari della protesta e le motivazioni.

Oggi, 26 giugno 2017, lo sciopero dei mezzi a Roma potrebbe creare qualche disagio alla circolazione. Difatti Atac, Tpl e Cotral hanno indetto 4 ore di stop al trasporto pubblico per manifestare contro il governo e le sue politiche.

Questa volta le ore di sciopero saranno solamente 4, ma dalle ore 8:30 i disagi saranno molti. Le sigle sindacali che hanno aderito allo sciopero sono infatti molteplici e il rischio che autobus, tram e metro lasciano i passeggeri a piedi è molto alto.
Lo sciopero del 26 giugno giunge inoltre dopo una sola settimana dallo sciopero generale che ha paralizzato la Capitale e molte altre zone d’Italia.

Di seguito tutte le info sullo sciopero del 26 giugno a Roma, gli orari della protesta e quali disagi si prevedono per la mobilità nella Capitale.

Sciopero mezzi Roma 26 giugno: orari e motivi della protesta

L’annuncio di un nuovo sciopero arriva pochi giorni dopo la manifestazione nazionale, tenuta il 16 giugno, che ha paralizzato il traffico romano. Atac e Tpl indicono ora altre 4 ore di sciopero per lunedì 26 giugno 2017 e dalle ore 8:30 alle 12:30 saranno a rischio le corse di autobus, metro e tram.

Le motivazioni dello sciopero sono state rese note da un comunicato stampa di USB, dove si legge:

Il 26 giugno deve essere questo, deve avere questo significato anche se sarà uno sciopero nazionale di sole 4 ore, anche se sarà uno sciopero che in molti comuni non potrà essere esercitato a causa dei ballottaggi delle elezioni amministrative dovrà essere la testimonianza di rifiuto alle politiche del Governo e la costruzione di una vera ed ampia vertenza contro di esse. Prepareremo lo sciopero con una serie di assemblee negli impianti a partire da mercoledì.

Per protestare contro il Governo e le sue politiche errate saranno ancora una volta i cittadini a fare le spese delle agitazioni. Anche Cotral inoltre si unirà allo sciopero di lunedì 26 giugno, anche se si spiega che non verranno messi a rischio i collegamenti per le città interessate da ballottaggio.