Pantheon a pagamento da maggio 2018: ecco quanto costerà il biglietto

Il Pantheon di Roma diventa a pagamento e da maggio 2018 si dovrà acquistare un biglietto per accedere alla struttura. La proposta di Franceschini diventa realtà tra pochi mesi.

Il Pantheon diventerà a pagamento e per accedere all’area sarà necessario acquistare un biglietto. Questa è la proposta avanzata da Dario Franceschini, ministro dei Beni Culturali e del Turismo, che mira a valorizzare una delle opere di Roma.

La dichiarazione su un possibile accesso al Pantheon a pagamento aveva suscitato molto scalpore nei mesi scorsi e per alcuni la notizia era stata un vero e proprio fulmine a ciel sereno. Il Pantheon è da sempre una struttura con accesso gratuito, ma da maggio 2018 le cose cambieranno.

L’idea di Franceschini è che il Pantheon diventi a pagamento così come, attualmente, avviene con il Colosseo e altri musei della capitale. I soldi ricavati serviranno alla manutenzione della struttura stessa e, per il 20%, andrebbero a confluire nel fondo di solidarietà.
Vediamo quindi quanto costerà il biglietto per il Pantheon e come verrà risolto il problema del botteghino, difficile da inserire nella struttura.

Pantheon a pagamento: la proposta di Franceschini

Rendere il Pantheon a pagamento, come nelle intenzioni di Dario Franceschini, darebbe un grande aiuto soprattutto alle casse del fondo di solidarietà nazionale museale. Ogni anno infatti, sono circa 7 milioni le persone che si recano in vista nel vecchio tempio pagano.

Per Franceschini, mettere un biglietto di ingresso per il Pantheon, era una necessità da approvare in tempo molto brevi. Difatti nei mesi scorsi aveva dichiarato:

Penso che entro questa legislatura il Pantheon sarà visitabile pagando un biglietto, magari anche basso. Le risorse derivanti dalla bigliettazione, potranno servire per interventi sulla struttura stessa, oltre che confluire nel fondo di solidarietà, come fanno il Colosseo e tutti gli altri musei che vi versano il 20% degli incassi.

Il ministro dei beni culturali è stato di parola e da maggio 2018 si dovrà acquistare un biglietto d’ingresso per accedere alla struttura. Il prezzo sarà piuttosto contenuto e si dovrebbe aggirare sui 2€ per ciascun accesso.
Per il momento non è però chiaro se vi saranno delle gratuità e chi ne potrà beneficiare.

Pantheon a pagamento: tutti i dubbi sulla proposta Franceschini

Il Pantheon è stato il primo luogo di culto ad essere convertito, da tempio pagano, in una basilica cristiana. Come tale, il renderlo a pagamento implicherebbe anche accordarsi con le strutture ecclesiastiche presenti.

Siamo a buon punto con i rapporti con la Chiesa, si può fare come in altri luoghi di culto d’Italia e cioè far convivere la visita dei turisti con le celebrazioni per i fedeli

Se l’accordo con la Chiesa non sembrerebbe essere un problema per il ministro, potrebbero esserci difficoltà invece sul come regolare l’ingresso a pagamento.

Il Pantheon è un sito molto antico, che gode della sua semplicità e dell’assenza di strutture moderne al suo interno. Difficile sarà quindi inserire un modo per pagare il biglietto, evitando di deturpare la struttura.
Un problema che però non sembra preoccupare il ministro e il suo staff che ideeranno una soluzione per preservare la struttura intatta.