Autore: Luca Macaluso

Salute - Alimentazione - Benessere

Cosa succede a chi mangia melagrana a digiuno? Ecco la risposta dell’esperto

Ecco cosa dicono gli esperti a proposito del consumo di melagrana a stomaco vuoto.

La melagrana è un frutto autunnale molto saporito e ricco di proprietà nutritive importanti. Molte persone assumono questo frutto a colazione preferibilmente a digiuno, in quanto convinte che in tal modo beneficeranno appieno dei nutrienti che esso può apportare al nostro organismo. Questa teoria è vera o si tratta soltanto dell’ennesima bufala? Nei prossimi paragrafi vedremo cosa ne pensano gli esperti.

Le proprietà nutritive della melagrana

La melagrana ha molteplici proprietà benefiche. Questo frutto è costituito principalmente da acqua e fibre e per tale motivo è poco calorico ed è, dunque, perfetto per coloro che combattono contro i chili di troppo. Inoltre, presenta anche un’alta concentrazione di vitamine tra cui la vitamina A, quelle del gruppo B, la C, la K e la E.

TI POTREBBE INTERESSARE: La pressione bassa fa sudare? La risposta della medicina

Buonissimo anche l’apporto di sali minerali come ferro, potassio, zinco, manganese, rame, fosforo, magnesio, calcio e selenio. La melagrana, oltre a ciò, è ricca di sostanze antiossidanti tra cui flavonoidi, acido ellagico e acido gallico ed anche quercitina. Tutte queste sostanze presenti nel frutto, lo rendono un perfetto alleato per la nostra saluta, in quanto apporta benefici all’intero organismo.

Mangiare melagrana a digiuno fa bene alla salute

Tutti coloro che mangiano la melagrana o ne bevono il succo a digiuno si fanno del bene. Tutti gli esperti, infatti, sono concordi nel dire che assumere questo frutto a stomaco vuoto sia un vero toccasana. La melagrana, infatti, grazie al suo profilo nutrizionale apporta tantissimi benefici al nostro organismo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Mangiare mirtilli tutti i giorni: incredibile, ecco cosa accade al nostro corpo

Questo frutto aiuta a mantenere giovani la struttura muscolo-scheletrico grazie all’urolitina che contrasta l’invecchiamento dei mitocondri contribuendo così a rendere più forti ossa e muscoli. La melagrana, inoltre essendo un frutto antiossidante, si è rivelato essere un potente antitumorale.

Oltre a ciò, aiuta a contrastare gli attacchi virali e batterici grazie all’elevata concentrazione di vitamina C che rende più forte il nostro sistema immunitario. Il ferro presente in esso, invece, fa sì che prevenga l’anemia aumentando i livelli di emoglobina nel sangue. La melagrana, essendo ricca di fibre aiuta la motilità intestinale e favorisce l’eliminazione delle feci aiutando a combattere la stipsi e la formazione delle fastidiose emorroidi.

Inoltre, grazie alla presenza dell’acido ellanico, la melagrana favorisce l’abbassamento dei livelli di colesterolo nel sangue proteggendo la salute dell’apparato cardiovascolare ed evitando così la formazione di trombi e l’insorgere dell’aterosclerosi. Infine, è utile per contrastare gli stati depressivi visto che sprigiona serotonina, l’ormone che regola l’umore e per questo è consigliata alle donne in menopausa che soffrono spesso di sbalzi umorali.

TI POTREBBE INTERESSARE: Quante volte a settimana magiare quinoia? La risposta dell’esperto