Autore: Giacomo Mazzarella

Datore di lavoro - contratto a tempo determinato - Disoccupazione - Lavoro

28
Mar

Tutto ciò che bisogna sapere sulle offerte di lavoro del reddito di cittadinanza

Distanza da casa, importi del salario, rifiuti ammissibili e tutto ciò che prevede il reddito di cittadinanza

Sul sito del governo sono state rese pubbliche le slide informative sulle nuove misure previste dal decreto legge n° 4 del 2019, il famoso decreto con il reddito di cittadinanza e la quota 100 che ieri ha visto il via libera finale del Senato in terza lettura. Si tratta di un autentico vademecum con tutto ciò che bisogna sapere delle varie misure. Una di quelle più importanti riguarda il reddito di cittadinanza e le regole che lo stesso governo chiama “anti divano”. Cosa devono fare i beneficiari del reddito di cittadinanza e come devono essere le proposte di lavoro che la misura prevede vengano loro offerte?

Patto di lavoro e patto di formazione

Il reddito di cittadinanza si prefigge il duplice obbiettivo di dare un sostegno reddituale a beneficiari e famiglie ed allo stesso tempo di agevolare ed aiutare il fruitore del sussidio nella ricerca di un posto di lavoro e di dotarsi di competenze maggiori che ne faciliteranno il reinserimento lavorativo. Il primo passo infatti è la sottoscrizione del patto di lavoro e del patto di formazione. In pratica, tutti i soggetti che percepiscono il reddito di cittadinanza (anche i componenti la famiglia sopra i 18 anni di età) se hanno già le competenze necessarie per lavorare devono firmare il patto di lavoro con il centro per l’impiego.

Se hanno necessità di dotarsi di qualifiche e ulteriore formazione dovranno firmare il patto di formazione, con aziende o enti appositi. Se invece si è soggetti impossibilitati a lavorare occorrerà siglare il patto di inclusione sociale, stavolta con i centri per l’impiego e con i servizi sociali comunali. Sono esentati dalle sottoscrizioni di questi patti i soggetti con disabilità tali da renderli non autosufficienti o non inseribili in contesti lavorativi o coloro che assistono bambini sotto i 3 anni di età.

Le offerte di lavoro

I beneficiari del reddito di cittadinanza hanno l’obbligo di frequentare i corsi formativi a cui verranno assegnati e dovranno svolgere 8 ore di lavori socialmente utili alle dipendenze del loro Comune di residenza. Inoltre non potranno rifiutare più di tre proposte di lavoro congrue durante la fruizione del benefit. Il reddito di cittadinanza dura 18 mesi e le offerte di lavoro per essere considerate congrue devono rientrare in parametri specifici. Durante i primi 12 mesi di fruizione del reddito la prima proposta di lavoro deve essere entro 100 minuti o 100 Km di distanza dal luogo in cui si risiede. Dopo il rifiuto della prima proposta la seconda può arrivare anche da 250 km di distanza ed in caso di ulteriore rifiuto la terza ed ultima potrà essere dislocata su tutto il territorio della Nazione. Dopo un anno di fruizione del reddito invece, anche la prima proposta potrà arrivare da 250 km massimi di distanza dalla propria casa.

Va sottolineato come per persone che hanno problematiche di disabilità in famiglia l’eventuale proposta di lavoro non potrà in nessun caso superare i 250 km di distanza dal proprio Comune. Inoltre, un correttivo inserito durante il passaggio parlamentare del decreto riguarda lo stipendio minimo che deve avere la proposta di lavoro per essere considerata congrua. Infatti bisogna che lo stipendio che verrà erogato al soggetto che dal reddito di cittadinanza passa ad essere assunto presso un datore di lavoro, debba essere superiore del 10% rispetto ai 780 euro del sussidio. In pratica per essere considerata congrua e quindi rientrare nei parametri prestabiliti, il salario mensile da erogare al lavoratore deve essere pari ad almeno 858 euro.