Autore: Antonio Murante

Musica

Marilyn Manson, We Are Chaos: il nuovo album, ecco la recensione

Marilyn Manson, esce il suo undicesimo album «We Are Chaos», tra presente e passato.

Marilyn Manson è tornato con l’undicesimo disco di studio dal titolo We Are Chaos, tre anni dopo il precedente “Heaven Upside Down” del 2017. Disco che ha tardato ad uscire causa Coronavirus poichè, come lo stesso Reverendo conferma, il disco era già finito ad inizio anno e l’uscita era prevista prima del tour con Ozzy Osburne (poi annullato per le condizioni di salute di Madman) e successivamente posticipato per l’emergenza sanitaria.We are Chaos è stato prodotto dallo stesso Manson e Shooter Jennings.

Quando uscì il singolo «We Are Chaos» che poi ha dato titolo anche all’intero album, Manson anticipò anche che questo sarebbe stato «un lavoro di transizione». Ed è proprio quella la prima impressione all’ascolto, l’idea di un qualcosa frammentato senza linee guida come i primi album del Reverendo.

«Questo concept album è lo specchio che io e Shooter abbiamo creato per l’ascoltatore. Ci sono così tante stanze, armadi, casseforti e cassetti. Ma nell’animo e nel tuo museo dei ricordi, i peggiori sono sempre gli specchi. Frammenti e schegge di fantasmi hanno perseguitato le mie mani mentre scrivevo la maggior parte dei testi.»

We Are Chaos composto da dieci tracce è un misto di ballad, quel garage rock che affiora nell’industrial metal, un Manson che cerca spazio tra momenti hard e soft cercando una continuità sonora ed lirica che ad oggi è ancora distante dai travolgenti lavori passati.

L’album We Are Chaos

L’album si apre con Red Black And Blue brano prettamente heavy dopo un monologo iniziale. La successiva We Are Chaos è una ballata dalle sonorità che ricordano una fusion tra Roger Waters e David Bowie. Finalmente con Don’t Chase The Dead iniziamo a sentire qualcosa di interessante ’segnata’ purtroppo da un ritornello molto pop,molto radiofonico per intenderci.

Ritorniamo ancora alle sonorità leggere con la ballad Paint You With My Love e Half-Way One Step Forward dove vengono riecheggiati momenti new wave tipici degli anni 80. Infinite Darkness è un brano strano, un misto di sonorità dark dove si sussegue ad un industrial leggero, credo il brano meno riuscito dell’album.

Indubbiamente più interessante risulta essere Perfume dalle sonorità rock blues leggermente appesantite dallo ’stile Manson’.
In Keep My Head Together troviamo finalmente il miglior Manson, con un garage-rock molto interessante e tirato dall’inizio alla fine.Il miglior pezzo dell’album a mio parere.

Solve Coagula è un viaggio rock caratterizzato tra synth e noise, un classico di Manson ’vecchio stampo’ che in un contesto finora non eccellente da quasi quel tocco in più ad un album che sinceramente mi aspettavo più aggressivo e graffiante. Conclude la playlist Broken Needle,l’ennesima ballata classica.

Tracklist

  • Red Black And Blue
  • We Are Chaos
  • Don’t Chase The Dead
  • Paint You With My Love
  • Half Way & One Step Forward
  • Infinite Darkness
  • Perfume
  • Keep My Head Together
  • Solve Coagula
  • Broken Needle