Autore: Luca Macaluso

Salute - Alimentazione - Benessere

16
Feb

Le fave fanno bene al diabete: verità o falso mito? Ecco la risposta

La verità sulle fave ed il diabete.

Tutti coloro che soffrono di diabete stanno molto attenti all’alimentazione, in quanto qualsiasi cibo potrebbe creargli dei problemi. Non fanno eccezione nemmeno le fave che spesso sono state demonizzate. Molti sono convinti che questo cibo al pari di altri legumi come fagioli e ceci facciano male ai diabetici. Si tratta di verità o semplicemente di un falso mito come per altri alimenti? Nei prossimi paragrafi cercheremo di dare una risposta a questa domanda che attanaglia milioni di persone.

LEGGI ANCHE: Mangiare cioccolato prima di dormire: fa bene o fa male?

Le proprietà delle fave

Le fave sono legumi originari dell’Asia, ma vengono ormai coltivate un po’ in tutto il mondo. Esistono diversi tipi di questo legume e si differiscono per dimensioni e colori. Le fave comuni sono generalmente tondeggianti e di colore verde. Le fave hanno molte proprietà che aiutano il nostro organismo a funzionare correttamente.

Questi legumi sono poveri di grassi e ricchi in proteine, fibre, vitamine e minerali. Inoltre sono poco calorici, per cui sono perfetti per chi segue un regime alimentare ipocalorico. La presenza di fibre contribuisce al buon funzionamento dell’intestino e a regolarizzare i livelli di colesterolo nel sangue. Le fave sono anche antiossidanti e grazie alla presenza di calcio e fosforo sono perfette per proteggere la salute dell’apparato muscolo-scheletrico.

LEGGI ANCHE: Non digerisci l’aglio? Ecco tre possibili cause

Le fave sono perfette per chi ha il diabete

Le fave, come detto, hanno molte proprietà benefiche e proprio per questo sono perfette per chi soffre di diabete. Ciò è dovuto alla grande presenza di fibre che favorisce il controllo del metabolismo e dell’assorbimento intestinale di zuccheri e colesterolo. Questo significa che le fave possono essere mangiate tranquillamente dalle persone diabetiche, ovviamente senza esagerare. Le fave, inoltre, sono ricche di ferro, per cui aiutano a contrastare anche l’anemia passeggera, problema questo, di cui spesso soffrono le persone diabetiche.

Le controindicazioni delle fave

Se da un lato le fave fanno molto bene al nostro organismo, dall’altro è anche vero che ha delle controindicazioni. Ad esempio, è bene evitarle in caso di diarrea, in quanto potrebbero peggiorare la situazione visto che come tutti legumi portano al gonfiore addominale e alla formazione di gas intestinali nonché allo sfaldamento delle feci.

LEGGI ANCHE: Il burro d’arachidi fa male? Ecco la risposta

Inoltre sono fatali per chi soffre di favismo, ovvero di una malattia genetica che provoca la distruzione dei globuli rossi a seguito dell’assunzione di fave. Questo legume, infatti, contiene delle sostanze che provocano lo sfaldamento dei globuli. Infine, le fave potrebbero causare anche allergie ed intolleranze. In definitiva, come in tutte le cose, va bene mangiare la fave, ma con moderazione.