Kuno, il frigorifero green che non ha bisogno di corrente

Kuno, il frigorifero green che non ha bisogno di corrente

In fatto di lifestyle le persone sono sempre più attente agli elettrodomestici green e una vita ecologica per un futuro migliore. Anche per questo nasce Kuno, il frigorifero che non ha bisogno di energia elettrica.

L’agenda 2030 impone dei comportamenti da parte di tutti i Paesi a favore dell’ambiente e di un aspetto più ecologico di tutti i fattori. Scopriamo insieme che cos’è Kuno, il nuovo frigorifero intelligente.

Che cos’è Kuno?

Ne parlano tutti in questo periodo e c’è una grande attenzione sul tema di ecosostenibilità da parte di aziende e privati. Kuno è un frigorifero di argilla che funziona senza che abbia bisogno di energia elettrica.

Una vera e propria rivoluzione in campo ecologico, fungendo anche da vaso per le piante trasformandosi in un alleato perfetto per il 16% della popolazione mondiale che non ha energia elettrica a disposizione e non solo. Una nuova concezione di conservazione del cibo senza intaccare il Pianeta, senza emissioni di anidride carbonica e senza inquinamento.

L’idea è nata attraverso l’ingegno di due studenti dell’ Asia Pacific Institute of Information Technology – Kuan Weiking e Theodore Seah – chiamando il loro piccolo aiutante ecologico con il nome di Kuno.

È sicuramente un progetto che guarda al futuro ma è una idea già sfruttata in passato quando l’elettricità non era ancora presente come oggi e si necessitava di idee innovative per la conservazione dei cibi.

Come funziona Kuno

Kuno ha vinto il premio James Dyson Award in Malesia. Il suo disegno si è ispirato ad un metodo delle popolazioni antiche che sfruttavano le brocche in argilla per il raffreddamento dell’acqua in maniera totalmente naturale.

È composto da una doppia parete e si presenta proprio come un vaso in argilla. Nello spazio tra le due pareti si immette della sabbia su cui si versa dell’acqua a temperatura ambiente: il processo è semplice, infatti l’argilla grazie alla sua porosità fa evaporare l’acqua attirando il calore all’esterno per poi rilasciarlo all’esterno.

Una idea pensata anche e soprattutto per le zone del pianeta che non hanno accesso all’energia elettrica ma finalmente possono godere di un cibo conservato nel migliore dei modi. Ma c’è una particolarità aggiuntiva, infatti Kuno può essere correllato ad una pianta da esterno – magari commestibile – sulla parte alta così da bagnarla e attuare il processo il raffreddamento naturale atto dall’evaporazione dell’acqua.

Questo darà sicuramente una marcia in più per tutte le giovani menti che hanno deciso di rivoluzionare il pianeta, con un occhio attento all’ambiente. Ma Kuno cosa può fare? Come evidenziato da chi ha ideato questo progetto, Kuno sarà in grado di conservare i cibi in maniera totalmente naturale. È ovvio che per ora non si presta ad una conservazione più massiva e tanto meno alla congelazione dei prodotti alimentari.

Nonostante questo è stato creato appositamente per le popolazioni che non hanno la possibilità di avere la corrente elettrica ma anche per chi vuole adottare un comportamento green a 360°, che prima o poi andrà a cambiare tutte le abitudini.