Independent Spirit Awards 2021: si chiude l’ultima tappa prima degli Oscar. Ecco i vincitori

Gli Independent Spirit Awards si sono conclusi: chi sono i vincitori di quest’anno? Un passo sempre più vicino agli Oscar.

I Film Independent Spirit Awards, l’ultima tappa prima dei famigerati Oscar, si sono conclusi ieri sera, giovedì 22 aprile 2021. La vittoria è stata segnata da Nomandland, ma anche altre perle del cinema indipendente sono state premiate durante la cerimonia «virtuale» di quest’anno.

Independent Spirit Awards 2021: si chiude l’ultima tappa che anticipa gli Oscar. Nomadland vince come miglior regia.

Normalmente l’evento si sarebbe tenuto sulle spiagge di Santa Monica, ma a causa della pandemia tutto si è svolto in remoto. L’ultima vittoria prima della notte degli Oscar è stata di Chloé Zhao per Nomadland come miglior regia.

Nella corsa al premio come miglior attrice protagonista è Carey Mulligan che primeggia su tutte le candidate, grazie alla sua fantastica performance in Promising Young Woman. L’attrice ha dedicato la sua vittoria allo «spirito indipendente» del cinema, rappresentato dalla defunta attrice inglese Helen McCrory.

Riz Ahmed porta a casa il premio come miglior attore per il suo ruolo in «Sound of Metal», in categoria insieme a Steve Yuen per «Minari» e Chadwick Boseman con «Ma Rainey’s Black Bottom».

Nella la categoria miglior attrice non protagonista vince Yuh-Jung Youn per l’interpretazione in Minari. Youn ha dedicato la vittoria al cinema indipendente di Lee Isaac Chung, lo stesso regista del film, che con un budget davvero limitato è riuscito a creare un’opera di grande gusto e delicatezza.

Paul Raci vince il premio come miglior attore non protagonista per «Sound of Metal»: «È fantastico e te ne sono molto grato. Anche se senza soldi, senza tempo, siamo sopravvissuti bene. In qualche modo ci siamo messi insieme molto da vicino ... nel trailer, e siamo diventati una vera famiglia. Per questo motivo, siamo arrivati ​​fin qui», ha detto l’attore dopo la consegna del premio.

Emerald Fennell porta a casa il premio come miglior sceneggiatura per Promising Young Woman. Andy Siara conquista il premio miglior sceneggiatura d’esordio per Palm Springs, film che ha rappresentato un vero record di vendita al Sundance di Hulu. Infine, L’originale Netflix «Crip Camp» ha vinto il premio per il miglior documentario.

Per la prima volta in assoluto, gli Independent Spirit Award hanno introdotto la categoria che premia la «televisione indipendente»; il premio inaugurale per la miglior serie sceneggiata è andato a I May Destroy You di Michaela Coel, serie HBO Max acclamata dalla critica.

Il cast della serie ha vinto il miglior ensemble per la televisione. La star di «Unorthodox» Shira Haas ha ottenuto il premio come miglior attrice femminile in TV, e la sua co-star Amit Rahav ha ottenuto la migliore interpretazione maschile.

L’annuale Robert Altman Award, che ha celebrato i cast dell’ensemble, è andato a «One Night in Miami» di Regina King. Il John Cassavetes Award, per i lungometraggi prodotti per meno di $ 500.000, è andato allo sceneggiatore / regista Merawi Gerima di «Residue».