Autore: Luca Macaluso

Salute - Alimentazione - Benessere

I datteri fanno alzare la pressione? La risposta della medicina

I datteri sono molto dolci e per questo si teme che faccino alzare la pressione. Sarà davvero così?

I datteri sono frutti molto gustosi e zuccherosi provenienti dal Medio Oriente, ma ormai diffusi ovunque. Questo appetitoso alimento è ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo. Tuttavia, molti temono che possano far alzare la pressione arteriosa a causa dell’alto contenuto di zuccheri. Ma sarà davvero così? In questo articolo proveremo a dare una risposta definitiva a questa annosa questione riguardante i datteri.

Le proprietà benefiche del dattero

Il dattero è un frutto dall’elevato quantitativo di zucchero, infatti, contiene 30 grammi di zucchero ogni 100 grammi di prodotto ed apparto circa 180 calorie. Si tratta, dunque, di un alimento molto calorico ed è sconsigliato a chi soffre di disturbi metabolici come il diabete o segue una dieta dimagrante. Di contro, però, ha poche proteine e pochi grassi mentre è ricco di amminoacidi tra cui la lisina, la serina e l’aspartico.

TI POTREBBE INTERESSARE: Le barbabietole si possono mangiare crude? Ecco la verità

Inoltre è ricco di vitamine soprattutto quelle del gruppo B e la vitamina C. Molto presenti anche i sali minerali tra i quali potassio e magnesio. La vitamina C è importantissima per la salute del nostro sistema immunitario e per la formazione del collagene. Il potassio ed il magnesio, invece, sono importantissimi per la salute del sistema nervoso oltre che dell’apparato muscolo-scheletrico.

I datteri non contribuiscono all’aumento della pressione sanguigna

I datteri apportano diversi benefici alla nostra salute e per questo seppur con moderazione andrebbero inseriti nella propria dieta. I datteri sono altamente antiossidanti grazie alla presenza dei carotenoidi. Inoltre esercitano una funzione antinfiammatoria soprattutto al livello dell’apparato respiratorio. Oltre a ciò, contrariamente a quanto si crede, questo frutto non fa affatto alzare la pressione.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il sushi ingrassa? La risposta della medicina

Al contrario, grazie alla presenza del potassio, il dattero regola e controlla il ritmo cardiaco e la pressione, per cui è perfetto per preservare la salute dell’apparato cardiovascolare. Inoltre, la presenza dei carotenoidi e della vitamina A, lo rendono perfetto per proteggere la vista. Il dattero è utile anche contro la stitichezza grazie al discreto contenuto di fibre. Per utilizzarlo a questo scopo, però, va mangiato fresco, in quanto quando è secco, le perde completamente.

Stando ad un recente studio, poi, questo frutto, può aiutare gli uomini contro l’infertilità. Lo studio ha dimostrato come i polifenoli presenti in esso siano in grado di chelare i metalli presenti nell’organismo contribuendo così a creare un ambiente cellulare migliore per gli spermatozoi. Infine, il dattero è risultato essere un potente antitumorale, in particolar modo riuscirebbe a bloccare la formazione di cellule tumorali alle mammelle e al colon.

TI POTREBBE INTERESSARE: I cedri fanno dimagrire? La risposta dell’esperto