Bafta 2021: ecco tutti i vincitori della nuova edizione degli Oscar inglesi

Si è conclusa la cerimonia dei Bafta 2021: ecco tutti i vincitori della 74esima edizione degli Oscar inglesi.

La premiazione dei Bafta 2021, gli Oscar inglesi per eccellenza alla loro 74esima edizione, si è conclusa al Royal Albert Hall. La kermesse cinematografica è stata suddivisa in due parti, con i primi otto premi assegnati sabato 10 aprile e gli altri diciassette durante la cerimonia dell’11 aprile.

Il successo di Nomadland: Chloé Zao domina i Bafta 2021

Nomadland, il nuovo film candidato agli Oscar di Chloé Zao, ha confermato il suo successo: il regista cinese, già vincitore di un Leone D’Oro e di un Golden Globe, porta a casa le categorie più importanti dei premi Bafta 2021. Miglior regia, miglior attrice protagonista e miglior film sono i premi conquistati da Nomadland.

Il premio come miglior attore britannico è andato a Anthony Hopkins per il film The Father, e il premio come miglior sceneggiatura originale è stato assegnato a Emerald Ferrell per il film "Promising Young Woman). Di seguito vi elenchiamo tutti i vincitori dei premi maggiori dei Bafta di quest’anno.

Lista di tutti i vincitori dei Bafta 2021

  • Miglior film: Nomadland
  • Miglior film britannicoç Promising Young Woman
  • Miglior film non in lingua inglese: Another Round
  • Miglior debutto britannico Remi Weekes per «His House»
  • Miglior documentario: My Octopus Teacher
  • Miglior film d’animazione: Soul
  • Miglior regia: Chloé Zhao per «Nomadland»
  • Miglior sceneggiatura originale: Emerald Fennell per «Promising Young Woman»
  • Miglior adattamento: Christopher Hampton, Florian Zeller per «The Father»
  • Miglior attore: Anthony Hopkins per «The Father»
  • Miglior attrice: Frances McDormand per «Nomadland»
  • Miglior attore non protagonista: Daniel Kaluuya per «Judas and the Black Messiah»
  • Miglior attrice non protagonista: Yuh Jung-Youn per «Minari»
  • Miglior casting: Lucy Pardee per «Rocks»
  • Miglior colonna sonora Jon Batiste, Trent Reznor, Atticus Ross per «Soul»
  • Miglior fotografia Joshua James Richards per «Nomadland»
  • Miglior montaggio Mikkel E.G. Nielsen per «Sound of Metal»
  • Migliori scenografie Donald Graham Burt, Jan Pascale per «Mank»
  • Migliori costumi Ann Roth per «Ma Rainey’s Black Bottom»
  • Miglior trucco e acconciature Matiki Anoff, Larry M. Cherry, Sergio Lopez-Rivera, Mia Neal per «Ma Rainey’s Black Bottom»
  • Miglior suono Jaime Baksht, Nicolas Becker, Phillip Bladh, Carlos Cortés, Michelle Couttolenc per «Sound of Metal»
  • Migliori effetti speciali Scott Fisher, Andrew Jackson, Andrew Lockley per «Tenet»
  • Miglior cortometraggio britannico d’animazione per «The Owl and the Pussycat»
  • Miglior cortometraggio britannico per «The Present»
  • Premio EE Rising Star: «Rocks»