Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

23
Mar 2020

La rucola fa bene al fegato? Ecco la risposta della medicina

Sono molto importanti gli effetti che la rucola ha sul nostro fegato

La rucola è un’erba ricca di proprietà benefiche e di uso culinario oramai comune. Il suo sapore amarognolo la rende inconfondibile e sono molto importanti le sue proprietà benefiche. Riconosciute da tutti le sue innumerevoli proprietà terapeutiche a partire da quelle purificanti. Vediamo cosa c’è da sapere su quest’erba a partire dai benefici che da al nostro fegato e a tutto l’apparato digerente.

Rucola: un alleato del fegato

La rucola tra le tante sue funzioni ha quella di aiutare la digestione. Oltretutto della rucola si dice che ha anche un effetto afrodisiaco. La rucola è una pianta erbacea dallo spiccato sapore piccante e amaro. Come dicevamo, notevoli le sue proprietà digestive. La rucola è ricca di sali minerali, tra i quali spiccano:

  • magnesio,
  • calcio,
  • potassio,
  • ferro
  • fibre.

Ricca pure di vitamina A, vitamine B6 e B9, vitamina C e vitamina K. La rucola ha anche proprietà depurative e drenanti e quindi riesce ad aiutare l’organismo ad espellere le tossine ed i liquidi in eccesso. Importantissima la mano che il consumo di rucola da al fegato. Infatti sembra appurato che la rucola aiuta a prevenire gastrite, ulcera e problemi al fegato. Questa particolare erba è ricca di sostanze come il beta carotene a cui sono assegnate importanti effetti di prevenzione dei tumori.

LEGGI ANCHE:

Bere thè caldo ogni giorno fa bene? Ecco la verità

I mirtilli fanno bene ai reni? La risposta della medicina

La sua azione protettiva sullo stomaco è conosciuta e notevoli le sue caratteristiche digestive. La produzione di succhi gastrici che la rucola aiuta, sono un ottimo fattore in materia di digestione. Tra l’altro, essendo ricca di vitamina A, quest’erba è ottima per chi ha problemi di ulcera e gastrite, perché mangiare questa erba blocca la produzione di secrezioni gastriche. Ecco perché è un toccasana pure per l’intestino, contrastando la stipsi grazie alla sua azione lassativa e bloccando la formazione di gas all’interno dell’intestino.

Un’erba dal basso contenuto di calorie

Ogni 100 grammi di prodotto ci sono 25 calorie. Questo dato è importantissimo perché significa che ci troviamo di fronte ad un prodotto dietetico. La rucola è prodotta in genere a primavera e la sua rapida crescita la rende facile da reperire. Inoltre c’è la sua versione selvatica, che è leggermente più amara di quella coltivata ed ha foglie più dure e di un verde più scuro. Tornando alle sue proprietà benefiche e terapeutiche, la rucola è un antibatterico naturale, perché ha sostanze che aiutano l’organismo a difendersi dall’attacco dei virus.

La rucola stimola il metabolismo grazie alla vitamina B. Le proprietà diuretiche della rucola aiutano a eliminare le tossine e i liquidi in eccesso. Questo fa sì che il nostro fegato ne tragga notevole giovamento. La rucola contiene sostanze che stimolano la produzione di enzimi epatici aiutando il fegato ad eliminare le tossine. E non meno importanti sono le proprietà terapeutiche che la rucola ha sul sistema cardiovascolare. La rucola aiuta anche ad abbassare la pressione alta proteggendo il cuore.

LEGGI ANCHE:

I porri a cena fanno bene: ecco 5 motivi per mangiarli

La farina di grano contiene sostanze organiche? La risposta che stupisce

Infine occorre dire che nonostante i tanti, evidenti, effetti positivi del consumo di rucola, in soggetti predisposti, esagerare nel consumo può avere effetti dannosi. Il consiglio di un medico è sempre suggerito, anche per evitare che in soggetti allergici insorgano complicazioni e problematiche di salute dovute proprio all’abuso del consumo di rucola.