Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

La carne di vitello quante volte alla settimana si può mangiare? La risposta della medicina

La carne di vitello è piuttosto magra e indicata per grandi e piccoli, ma quanta se ne può consumare a settimana? Ecco alcuni suggerimenti.

La carne di vitello è una carne di bovino che rientra nell’universo delle carni bianche. L’animale da cui proviene la carne è un bovino giovane, di massimo 4 mesi di vita e che ha ancora tutti i denti da latte. In linea generale, è una carne di ottima qualità, di colore roseo e dal sapore molto delicato.

Si tratta di una delle carni più diffuse a tavola e indicata sia per grandi che per bambini per le indubbie doti nutritive. Cotta in padella, arrosto, fritta, al forno o nel sugo, la carne di vitello si sposa bene in diverse tipologie di consumo e a diverse tipologie di cottura. Ma la si può mangiare tutti i giorni o presenta delle controindicazioni? Vediamo nel dettaglio cosa dice la medicina.

Proprietà della carne di vitello

La carne di vitello è ricca di proteine, sali minerali (selenio, sodio, potassio, fosforo, zinco, rame e ferro) ed è poco grassa proprio vista l’età del bovino macellato. Si tratta di un alimento molto consigliato nei bambini e indicato pure in soggetti con patologie legate alle anemie. Infatti la carne di vitello ha tra i suoi minerali il ferro e questo nel vitello è più assorbibile rispetto al ferro contenuto nelle verdure. Si tratta di un alimento ricco di vitamine tra cui molto importanti e in buone dosi, la vitamina E e la vitamina B12. Sostanze queste che favoriscono l’antiossidazione e aiutano l’organismo a contrastare il fenomeno dell’invecchiamento.

TI POTREBBE INTERESSARE: Mangiare pomodori tutti i giorni: ecco cosa accade al corpo

La carne di vitello è magra

Come dicevamo, stiamo parlando di una carne piuttosto magra, che pur essendo rosea rientra nella categoria delle carni bianche come pollo e tacchino. La carne di vitello non va mangiata al sangue, perché anche se è considerata una carne piuttosto digeribile, la cottura al sangue rende difficile la digestione. Al contrario, se cotta troppo perde il gusto e la morbidezza che la contraddistinguono. La carne di vitello può essere mangiata spesso, perché poco grassa, anche se bisogna stare attenti sempre al consumo generale di carne che in Italia le statistiche dicono sia troppo utilizzata.

Occorre ricordare che i nutrizionisti sottolineano che la carne in generale vada consumata non più di tre volte a settimana. Resta il fatto che in base alle caratteristiche proprie di un individuo, il consumo di carne, compresa quella di vitello, potrebbe essere divfferente per non rischiare problemi di salute. Meglio chiedere un parere al proprio medico curante che è a conoscenza dello stato di salute di un individuo e delle sue patologie, così da poter meglio sapere quanta carne possibile consumare settimanalmente.

TI POTREBBE INTERESSARE: La zucca cruda fa male? Ecco la verità

Quanta carne di vitello mangiare a settimana?

Secondo vari studi della medicina, il consumo di carne deve essere bilanciato sia come quantità che frequenza. Come dicevamo, andrebbe consumata non più di tre volte a settimana e in porzioni da massimo 100 grammi. Naturalmente le porzioni e le quantità sono di tutta la carne e non solo quella di vitello. Cioè le teorie nutrizioniste sottolineano che le tre volte a settimana ed i circa 300 grammi a settimana consentiti, non sono per tipologia di carne.

Occorre pertanto scegliere quelle migliori, ed il vitello da questo punto di vista è uno dei top. La carne di vitello ha un alto contenuto di acqua ed è povera di grassi perché questi, vista la macellazione giovane dell’animale, non hanno avuto il tempo di formarsi. La carne di vitello è magra ed ha un ottimo contenuto di proteine ed un bassissimo contenuto di colesterolo.

TI POTREBBE INTERESSARE: I kiwi fanno bene alla prostata? La risposta della medicina