Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

La cannella abbassa la glicemia? Ecco cosa dice l’esperto

Il consumo di cannella aiuta a ridurre i livelli di glicemia nel sangue e combatte il rischio di diabete di tipo 2. Scopri tutti i suoi effetti benefici per l’organismo umano!

La cannella è una spezia largamente utilizzata in cucina, sia come ingrediente per dolci e gelati, sia per aromatizzare risotti, paste e secondi a base di carne. Al tempo stesso, nella medicina naturale, è un ottimo rimedio per prevenire l’ipertensione, per alleviare il dolore e gonfiore addominale, e persino per combattere il diabete di tipo 2 e tenere sotto controllo la quantità di zuccheri presenti nel sangue.

Insomma, oltre ad essere un ingrediente prezioso, apprezzato da secoli per il suo gusto intenso e per il suo profumo inconfondibile, la cannella è anche un vero e proprio ‘farmaco naturale’ conosciuto già nell’antichità e, ancora oggi, utilizzato per le molteplici proprietà benefiche per l’organismo umano.

Questa particolare spezia, infatti, viene consigliata da medici ed esperti di alimentazione, come rimedio naturale per abbassare la glicemia nel sangue che, come sappiamo, è la principale causa del diabete: una patologia cronica debilitante, che va costantemente monitorata per la sua elevata pericolosità.

Ma quali sono, nello specifico, i benefici della cannella per l’organismo umano? Ecco quelli principali!

  • Riduce la glicemia

Come abbiamo anticipato, la cannella è in grado di abbassare i livelli di glucosio nel sangue, in quanto rallenta lo svuotamento gastrico e, dunque, mantiene sotto controllo la glicemia subito dopo i pasti.

Il consumo di circa 2 grammi al giorno è sufficiente, secondo gli esperti, per ottenere una benefica riduzione delle quantità di zucchero in circolazione. Pertanto, chi soffre di diabete o è considerato un soggetto a rischio, farebbe bene ad inserire questa preziosa spezia nella sua alimentazione giornaliera.

  • Effetto distensivo

Se l’abbassamento della glicemia non fosse già un motivo valido per consumare regolarmente cannella, ecco un altro importante effetto benefico da tenere a mente: quello ipotensivo. Le sostanze che questa spezia contiene (una su tutte, l’MHCP, un potente polifenolo), infatti, producono un’azione distensiva, che riduce il rischio di ipertensione e limita la concentrazione di trigliceridi e colesterolo nel sangue.

  • Contro raffreddore e influenza

Per secoli, nella medicina ayurvedica, la cannella è stata utilizzata sia come rimedio naturale contro il raffreddore e i sintomi dell’influenza, sia come ‘toccasana’ per la salute. Questa spezia, infatti, è ricca di calcio, potassio, ferro, selenio, zinco, rame, manganese, fosforo, ma anche di vitamine del gruppo B, C, A, K ed E, oltre a produrre un effetto riscaldante che combatte le infezioni virali e batteriche.

  • Benessere dello stomaco

In ultimo, la cannella, rallentando lo svuotamento gastrico, non si limita a ridurre il glucosio presente nel sangue, bensì produce un’azione benefica per l’apparato digestivo. Infatti, questa spezia è in grado di attenuare tensioni, gonfiore e dolori addominali, e contemporaneamente favorisce la digestione, previene gli attacchi di fame nervosa e, per il suo effetto lenitivo, tiene a bada il senso di nausea.

LEGGI ANCHE:

Quale cacao fa bene alla salute? Ecco la risposta

E’ vero che l’aglio abbassa la pressione? Ecco la risposta

Mangiare banane a stomaco vuoto: ecco cosa può accadere

Come consumare la cannella?

Il modo migliore per consumare la cannella? Ridurla in polvere (o acquistarla direttamente in negozio) e aggiungerla ad acqua e zenzero per preparare ottime tisane. In alternativa, si può utilizzare al posto dello zucchero per addolcire il caffè o il tè, o ancora per profumare carni, risotti e tanti altri alimenti.