Autore: Rita Parisi

Coronavirus

10
Apr

Covid-19 Campania, De Luca annuncia quali attività riapriranno per prime e quando inizierà la Fase 2

Vincenzo De Luca ha aggiornato i campani circa l’emergenza Coronavirus in Campania.

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, come ogni settimana, ha aggiornato i campani sull’emergenza Coronavirus in diretta Facebook. Tanti sono stati gli argomenti trattati e le novità annunciate dal numero uno di Palazzo Santa Lucia, a cominciare dall’uso delle mascherine che entro fine mese diventeranno obbligatorie quando si esce di casa, fino alle misure economico-sociali per risollevare le sorti di famiglie e imprese provate dalla crisi economica.

De Luca ha spiegato che non vi è ancora l’obbligatorietà delle mascherine in Campania perché: “prima vogliamo mettere in produzione 3 milioni, 3 milioni e mezzo di mascherine, poi a fine mese sarà obbligatorio l’uso. Dalla prossima settimana iniziamo a distribuire le mascherine alle farmacie, ai medici di medicina generale, alla residenze sanitarie assistite ai servizi sociali dei comuni”.

Coronavirus Campania, ecco quali attività riapriranno e quando

Nel corso della sua diretta Facebook De Luca ha poi affrontato lo spinoso tema della cosiddetta Fase 2: “Si sta ragionando sulla Fase 2. E’ del tutto evidente che siamo chiamati a fare un altro sacrificio di due settimane, è difficile per tutti ma rischiamo di perdere tutto per una impazienza che sarebbe ingiustificata”. E ha specificato che la fase 2 inizierà “quando si avrà la certezza che è stato contenuto il contagio, cioè è stato bloccato il percorso di crescita delle infezioni, contiamo di aver bloccato il percorso di crescita delle infezioni e di arrivare a questo risultato tra fine aprile e inizio maggio”.

Il governatore ha poi annunciato quali attività riapriranno per prime una volta inaugurata la Fase 2: “Già a fine mese pensiamo all’edilizia che comporta attività lavorativa all’aperto, potremo dare respiro alle attività di manutenzione delle strutture balneari”, ma il governatore allarga anche ad altre attività, in particolare quelle “alimentari, di produzione di cibo preconfezionato da consegnare a domicilio, alla fine del mese potremo cominciare a far ripartire queste attività”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: ecco i lavori più a rischio e quelli che riapriranno per ultimi

Vincenzo De Luca, “Soldi, pochi, maledetti e subito”

Per quanto concerne gli aiuti economici a imprese e famiglie in difficoltà De Luca ha poi annunciato: “L’obiettivo è quello di far arrivare alle famiglie e alle imprese i soldi, pochi, maledetti e subito. Non so quali saranno i tempi del Governo nazionale, i nostri tempi dovranno essere questi". Il governatore ha poi spiegato che durante l’ultima settimana di aprile arriveranno i contributi per le famiglie con disabili e le imprese, mentre i mille euro delle pensioni minime saranno accreditati a maggio e giugno.

“Fra l’ultima settimana di aprile e giugno porteremo da subito liquidità al sistema economico con ben 900 milioni di euro, quello che decidiamo noi sono contributi a fondo perduto, pochi maledetti e subito. Credo che le misure nazionali avranno tutta una serie di complicazioni. Se si prevede il credito agevolato alle imprese, ad esempio, bisogna passare attraverso le banche e l’istruttoria può richiedere tempo, mesi. Noi abbiamo fatto un’altra scelta che si aggiunge a quella nazionale” ha poi chiosato.