Autore: Giada Fiordaliso

Coronavirus

Coronavirus: scuole chiuse in tutta Italia e altri aggiornamenti

Coronavirus: scuole chiuse in tutta Italia e altri aggiornamenti

L’emergenza Coronavirus è diventata ormai globale, almeno in Italia, dove la penisola si è vista costretta a chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado, per evitare ulteriori contagi e il collasso del sistema sanitario. Nonostante il numero dei guariti sembra essere aumentato, la decisione di chiudere le scuole, comunicata proprio pochissimi minuti fa, è stata dettata per misure precauzionali. Non sono però solo questi gli ultimi aggiornamenti riguardanti il Coronavirus.

Le scuole chiuse in tutta Italia

Scuole chiuse, nessuna eccezione, in tutta la penisola italiana. Nessun grado è esente da tale decisione: Università, scuole di grado superiore ed inferiore: tutte chiuse, in ogni regione d’Italia. La decisione è stata presa da Azzolina e da Conte durante le ultime ore di questo pomeriggio, 4 marzo 2020, e riguarderà il periodo dal 5 marzo al 15 marzo, salvo diverse comunicazioni.

Nelle prime ore del pomeriggio la notizia era già stata data per certa da alcune mamme, che avevano iniziato a far girare erroneamente su Whatsapp il messaggio relativo alla chiusura ufficiale. Il ministro dell’istruzione Azzolina però è dovuto intervenire per chiarire che la decisione non era ancora stata presa e che sarebbe stata comunicata solo nel pomeriggio, cosa che infatti è avvenuta.

Per ora il Governo sta anche prendendo in considerazione delle soluzioni per permettere a quelle famiglie in cui entrambi i genitori lavorano, di far sì che uno dei due possa rimanere a casa con i propri figli, se non hanno possibilità di lasciarli a casa con qualche altro parente o baby sitter.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Castelli (Mef) su lavoro di cura: verso norma per i genitori assenti dall’impiego

Gli aggiornamenti: i nuovi numeri

I numeri riguardanti i contagiati di Coronavirus è salito, cosa che però non deve generare panico, in quanto continua a salire anche il numero dei guariti. Dallo Spallanzani di Roma ad esempio sono state dimesse ben 22 persone, cosa che permette anche di dare maggiore possibilità ai medici di studiare le caratteristiche del virus, o di preparare le misure straordinarie per una possibile accoglienza di ulteriori contagiati.

Questi ultimi in Italia sono saliti a 2706 casi, mentre aumenta anche il numero di decessi, salito a 107. Sale però anche il numero di coloro che si riescono a liberare totalmente dal virus in questione.

I problemi economici

Come afferma lo stesso Conte, le misure che sono state adottate per limitare il contagio di Coronavirus è stato dettato dalle associazioni scientifiche, che sottolineano l’importanza di contenere il virus. Il problema però consiste soprattutto nell’economia italiana, ormai in ginocchio e che necessita senza dubbio di aiuti e di rialzarsi in fretta.

Dal Nord, zona che presenta un aiuto maggiore rispetto alle altre parti d’Italia, gli imprenditori sottolineano che la situazione è difficile e per ora completamente ferma. Per ora, il Governo sta anche cercando di stanziare diversi miliardi di euro al fine di aiutare proprio le aziende in difficoltà. Intanto si attendono gli ulteriori dettagli in merito, nella speranza che il Coronavirus lasci in fretta l’Italia, nonché il resto del mondo.