Autore: Giada Fiordaliso

Coronavirus

Coronavirus: le novità, il possibile vaccino Usa, il tampone del Papa

Coronavirus: le novità, il possibile vaccino Usa, il tampone del Papa

L’emergenza Coronavirus continua ad essere un ostacolo non solo per la penisola italiana, ma anche per il resto del mondo. Nonostante il numero dei contagiati sia salito, le notizie positive però non mancano e dalle autorità arriva il messaggio ben preciso: inutile andare nel panico anche perché non è così grave come si riteneva.

Su 1835 contagiati attuali in Italia, 52 sono stati i decessi. Tra questi ultimi, molti avevano delle complicanze. Intanto anche il Papa si è sottoposto al tampone ed è risultato negativo, mentre dagli Stati Uniti arriva anche la notizia di un possibile vaccino entro fine estate.

I numeri attuali

In Italia salgono a 1835 i casi accertati di Coronavirus e le regioni colpite ora sono in numero maggiore rispetto a quando erano stati segnalati i focolai della Lombardia e del Veneto. Colpite anche altre regioni, come Trentino, Sardegna, Molise, che vanno ad aggiungersi anche alle altre regioni i cui contagi erano già stati segnalati: Piemonte, Puglia, Marche.

Proprio in quest’ultima, negli ultimi giorni il Coronavirus ha ucciso un uomo di 88 anni. I medici però tengono a precisare che l’anziano presentava già delle complicanze cliniche.

Positivo anche un dipendente RAI, a cui è stata assegnata la quarantena e per questo motivo risulta non recarsi in azienda da circa una decina di giorni. Per ora si attendono aggiornamenti riguardo i nuovi numeri, anche se le autorità tendono a frenare l’idea del panico. Secondo anche l’Oms, l’emergenza Coronavirus non può essere definita “pandemia”.

Dato che il numero dei decessi risulta essere una percentuale bassa, rispetto al numero totale dei guariti e dei contagiati, si può considerare il Coronavirus meno grave di quanto si pensasse all’inizio, ma questo non è tutto.

Il Governo italiano si sta chiedendo se è il caso di varare nuove misure protettive per arginare il contagio, o se quelle adottate finora siano risultate utili. Per rispondere a ciò, si stanno attendendo gli ultimi aggiornamenti riguardo i numeri di vittime e contagi. Oltre a queste notizie però ce ne sono anche alcune positive.

Il vaccino e gli USA

È giunta poche ore fa da parte degli Stati Uniti, la notizia di un possibile vaccino contro il Coronavirus, che forse potrebbe addirittura essere pronto a fine estate. A dichiararlo è stato Mike Pence, vice-presidente americano che ha dichiarato il tutto.

Ovviamente non c’è nulla di certo: per ora il vaccino non esiste, e il periodo di tempo stimato rimane indicativo. Molto probabilmente infatti il vaccino potrebbe arrivare anche a inizio autunno, non si è certi. Nonostante questo però, si tratta di una notizia positiva: il fatto che si inizi a stimare una possibile tempistica sul vaccino, fa sperare nella fine di questa emergenza.

Il Papa e il tampone

Anche Papa Francesco è stato sottoposto al tampone per verificare se fosse affetto o meno da Coronavirus. Il risultato è negativo, ma Bergoglio ha preferito svolgere il test in quanto accusa da giorni un forte raffreddore che ha dovuto anche fargli rimandare alcuni impegni, come ad esempio la trasferta ad Ariccia.

I sottolinea che il tampone è stato effettuato sul Papa in via del tutto precauzionale, anche perché il rischio di essere contagiato oppure di contagiare, nel caso fosse risultato positivo, era abbastanza alto, dato il numero di persone con cui è in contatto il Papa, e ovviamente anche i fedeli.

Per ora la Santa Sede non ha nemmeno commentato questa notizia, ma il Papa rimane vicino a tutti i malati, come ha dichiarato negli scorsi Angelus che ha svolto. Si attendono intanto i nuovi aggiornamenti in merito all’emergenza Coronavirus.