Autore: Stefano Calicchio

Debito pubblico - Wall Street - Crisi economica

Coronavirus, dati negativi influenzano i treasury: titoli di Stato americani con tassi in discesa

Negli Stati Uniti continua a crescere l’impatto dell’emergenza Coronavirus sulle prospettive macroeconomiche. Previsti milioni di licenziamenti nella ristorazione, i tassi dei t-bond tornano a scendere.

Le prospettive macroeconomiche dell’economia americana tornano a confrontarsi con lo sviluppo dell’emergenza sanitaria all’interno del Paese, andando ad influenzare il mercato obbligazionario del debito pubblico. Oggi i tassi sono infatti tornati a scendere dopo l’uscita di statistiche macroeconomiche preoccupanti e in grado di minare la fiducia degli investitori.

La conferma si è concretizzata nella discesa del rendimento dei t-bond decennali. I titoli obbligazionari hanno visto scendere i tassi di 10 punti base all’1,08%, un indicatore della ricerca di un porto sicuro da parte degli operatori di mercato. D’altra parte, negli U.s.a. continua a crescere il numero dei casi confermati come positivi ai test di Covid-19, mentre le ultime stime danno come periodo di possibile picco dei contagi il mese di maggio.

TI POTREBBE INTERESSARE: Agenzia delle Entrate e Riscossione: con il Coronavirus sportelli chiusi, sospensione di tutti i pagamenti

I dati macroeconomici e la preoccupazione per il mercato del lavoro

Sul fronte macro nella giornata di oggi sono pesate in particolare le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, aumentate di circa 70mila unità rispetto alla settimana precedente. Il dato è risultato fortemente al rialzo rispetto alle attese degli analisti, mentre il Dipartimento del lavoro americano faceva esplicito riferimento all’emergenza sanitaria in corso per spiegare il fenomeno.

L’evidenza delle implicazioni del Coronavirus sul parametro occupazionale preoccupa fortemente analisti ed economisti, visto che il conseguente calo dei consumi non potrà che alimentare i prodromi recessivi già registrati in questi giorni. Nel solo comparto della ristorazione gli U.s.a. contano di perdere nei prossimi mesi fino a 7 milioni di posti di lavoro, un indicatore inconvertibile della recessione in corso di formazione.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, lo spread supera quota 320 punti mentre il tasso del Btp decennale arriva al 3%