Autore: Rita Parisi

Coronavirus

Coronavirus Campania, aggiornamento contagi: in arrivo 500 mila mascherine

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha annunciato l’arrivo nelle farmacie campane di 500 mila mascherine.

La Campania si sta preparando alla Fase II e Vincenzo De Luca ha appena annunciato: “Comincia da oggi la distribuzione alle farmacie della regione delle prime 500.000 mascherine acquistate dalla Regione Campania. Questo primo blocco, come da protocollo con Federfarma e Assofarma, sarà distribuito prioritariamente alle fasce deboli partendo dall’esenzione ticket, alle persone anziane, e a quelle che hanno terminato la quarantena.”

Il governatore della Campania ha poi spiegato che: “Dall’inizio della settimana prossima poi, le mascherine saranno distribuite a tutte le 1.800 farmacie della Campania e, progressivamente, ai medici di famiglia, e quindi alle famiglie campane prima di renderne obbligatorio l’uso per tutti, all’esterno delle abitazioni, in vista dell’imminente Fase 2. La Regione, che ne acquisterà tre milioni, ha già avuto la disponibilità da Poste Italiane alla consegna diretta delle mascherine nelle prossime settimane.”

Coronavirus Campania, le province più colpite

Intanto, sul fronte dei contagi, l’Unità di Crisi della Regione Campania ha diffuso l’ultimo bollettino:
Il punto alle ore 23.59 di ieri sui positivi in Campania ripartiti per province:

  • Totale positivi: 3.887
  • Totale tamponi: 41.296
  • Totale deceduti: 286
  • Totale guariti: 483 (di cui 378 totalmente guariti e 105 clinicamente guariti)

Il riparto per provincia:

  • Provincia di Napoli: 2.072 (di cui 822 Napoli città e 1250 Napoli provincia)
  • Provincia di Salerno: 587
  • Provincia di Avellino: 416
  • Provincia di Caserta: 393
  • Provincia di Benevento: 157
  • Altri in fase di verifica Asl: 262

Covid-19 Campania, verso la Fase II: screening di massa

Il governatore Vincenzo De Luca nella giornata di ieri aveva annunciato il Piano della Regione per l’ingresso nella Fase II: “È in corso di definizione in queste ore, un Piano Regionale per lo screening di massa sui cittadini campani. Questo piano di monitoraggio, di prevenzione e di cura relativo al Covid-19, deve svilupparsi in modo parallelo con il piano di rilancio delle attività economiche e sociali. La Fase 2, che è ormai prossima, non dovrà mai perdere di vista il controllo sanitario e la garanzia di sicurezza per le nostre famiglie. Il Piano Regionale di screening dovrà coinvolgere centinaia di migliaia di nostri concittadini, nel corso delle prossime settimane. È un Piano ordinato, organizzato, non propagandistico, che sarà articolato in tre azioni. a) Sviluppo ulteriore delle attività ordinarie presso i laboratori pubblici e l’Istituto Zooprofilattico, di controllo del contagio tramite l’uso dei tamponi. L’obiettivo è quello di giungere, procurandosi le forniture necessarie, soprattutto in materia di reagenti, a lavorare circa 3000 tamponi al giorno. Questa attività è destinata soprattutto a persone sintomatiche.
b) Screening mirato su alcune fasce particolari: familiari di pazienti in isolamento domiciliare; personale sanitario e delle forze di polizia; soggetti che riprendono l’attività economica; anziani delle case di accoglienza; fasce deboli (disabili, malati di diabete...); operatori del trasporto, dipendenti pubblici a contatto con l’utenza etc. In tale attività si prevede un coinvolgimento pieno di strutture pubbliche e di laboratori privati. c) Screening di massa a persone asintomatiche, partendo dagli anziani, da territori più densamente abitati, da categorie economiche esposte al pubblico (ristoranti, bar, alberghi...). Tale attività dovrà portare a centinaia di migliaia di controlli nei prossimi mesi. Sarà un lavoro concreto, chiaro, al di là della confusione che si è determinata sulle tipologie di controlli e al di là di annunci propagandistici che si rincorrono in Italia."