Wu aveva 24 anni, è morta per denutrizione

Un altro caso scoperto troppo tardi, quando ormai gli aiuti inviati sono stati vani, quando Wu, orami, era a un passo dal lasciarci.

La storia di Wu Huayan, la ragazzina morta a soli 24 anni per denutrizione, ha commosso milioni di cinesi troppo tardi. La storia è stata raccontata ai giornali locali e dalla televisione locale, è stato uno choc per la Cina. La morte della giovane ha scosso milione di persone e ha creato una forte indignazione in tutta la Cina, dove molti si chiedono perché le istituzioni non abbiano fatto nulla di più per salvarla.

Il cuore della popolazione è stato attraversato da quelle immagini rispecchianti un corpo debole e fragile, oramai troppo malnutrito.
Immediatamente moltissime persone hanno contribuito alla causa, è partita una raccolta fondi. La quale ha prodotto una fortuna per la piccola ragazza. Sono arrivati alla piccola quasi un milione di yuan, 130 mila euro. Era una cifra grandiosa e sufficiente per essere benestante tutta la vita in Guizhou, arrivata troppo tardi. Era lì, il Guizouh, il paese che ha ospitato la piccola Wu. Un paesino di campagna, purtroppo, una delle provincie più arretrate della Cina.

La vita di Wu

Era una ragazza di appena 24 anni, rimasta orfana sin da piccola, ma con un fratello gravemente disabile da accudire. Per anni ha provato a sostenere il fratello in cure e vita quotidiana. Wu aveva il solo unico sostegno di due zii, che poveri anche loro, potevano donare alla piccola solamente 300 yuan (39€). A causa della grave impossibilità del fratello, arrivavano dal programma sociale della sua provincia altri 300 yuan.

La maggior parte di questa somma Wu la doveva spendere per le spese mediche necessarie al fratello. Wu non si è arresa, ha combattuto, ha cercato di fare il possibile sin da piccola: ha frequentato una scuola professionale, ottenendo in questo modo una borsa di studio di 7 mila yuan all’anno. Si è diplomata e si è anche iscritta all’università.

La situazione sembrava leggermente migliorata con l’inizio dell’università, perché la ragazza aveva ricevuto una borsa di studio per sostenere, almeno in parte, i suoi studi. Dall’altro lato, tuttavia, le sue condizioni di salute stavano peggiorando in maniera allarmante. «Lei diceva sempre: «Ho già perso mio padre e mia madre, mi resta solo mio fratello e non voglio perderlo» - rivelano alcuni conoscenti - «La denutrizione aveva avuto un impatto devastante su di lei: problemi cardiaci e di udito, ma anche insonnia e perdita dei capelli».

Ha resistito 3 anni con soli 2 yuan al giorno (26-cent). Mangiava un po’ di riso e dei peperoncini, senza scelta, ogni giorno la stessa misera razione di cibo. Pesava 21 kg, alta 135 cm, a 24 anni. Non ha vissuto una gioventù facile, non ha potuto pensare a sé stessa o vivere negli agi o nella comodità che spesso molti ragazzi dell’età di Wu hanno, e non si accorgono di avere. Wu ha dato il massimo, si è impegnata, ha ottenuto molto e tutto con le sue sole forze. Wu era forte, voleva resistere per la sua famiglia, o almeno per quel che ne rimaneva. Il suo corpo non l’ha sostenuta, Wu meritava più attenzione, ricevuta troppo tardi.