Treviso: perde 18 mila euro sull’autobus e li ritrova, mancia da 50€ all’autista

Una donna ha dimenticato su un autobus la sua borsa, contenente 18mila euro in contanti. All’autista che gliel’ha riconsegnata ha lasciato una mancia di «soli» 50 euro.

È capitato praticamente a tutti di smarrire almeno una volta della vita un oggetto in un qualsiasi luogo pubblico, compresi i mezzi di trasporto. A volte si tratta di oggetti di poco valore, altre volte la distrazione può letteralmente costare cara.

La borsa smarrita a Treviso

È successo ieri a una donna residente in provincia di Treviso, che ha dimenticato una borsa contenente diversi effetti personali, tra cui un portafogli.

A bordo dell’autobus, partito da Treviso e diretto a Spresiano, c’era anche una donna onesta, che proprio al capolinea, prima di scendere, ha consegnato all’autista una borsa trovata incustodita a bordo. Il dipendente di Mom, come da procedura, ha cercato il portafogli, oggetto nel quale solitamente vengono custoditi i documenti di identità.

All’interno del borsellino, però, ha trovato anche numerose banconote da 50 euro. Stando a quanto scrive il Corriere Veneto, la cifra a suo avviso superava i 1000 euro. Il presidente di Mom ha dichiarato al giornale che in tanti anni “non era mai capitato di trovare una borsa con tutto quel contante”.

La donna distratta, pochi minuti dopo essere scesa dal mezzo, aveva immediatamente chiamato la compagnia di trasporto per segnalare di aver dimenticato la borsa a bordo dell’extraurbano che da Treviso porta a Spresiano. Si tratta di una donna originaria dell’Est Europa di circa 60 anni, stando a quanto riporta la stampa locale.

La restituzione

L’autista, a fine turno, è tornato alla base, dove è stato raggiunto dai colleghi. La procedura, infatti, prevede che la restituzione e il riconoscimento del(la) proprietario/a avvenga in presenza di testimoni.

L’uomo ha quindi incontrato la proprietaria dell’oggetto smarrito, alla quale ha immediatamente proposto di contare i soldi all’interno del portafogli. Lei, però, ha subito afferrato la borsa, facendo notare tranquillamente ai presenti che c’erano numerose mazzette sparse al suo interno, per un totale di 18 mila euro.

Dopo una breve chiacchierata e dopo che i documenti di identità hanno confermato che si trattasse della legittima proprietaria, la donna si è riappropriata dei suoi effetti personale, ha ringraziato l’autista per la sua gentilezza e gli ha lasciato 50 euro come “mancia”.

Il presidente di Mom ha poi fatto sapere di non essere certo che quanto dichiarato dalla donna corrispondesse al vero. Colladon, infine, ha fatto i complimenti al dipendente della sua azienda per aver rispettato alla lettera il protocollo.