Testamento: il modo più facile per avere casa

Testamento: il modo più facile per avere casa

Il testamento è il modo più semplice per ereditare un immobile. il proprietario nomina una persona, che ne diventerà proprietario, perchè viene nominato erede. Alcuni chiarimenti sono d’obbligo.

Il testamento viene regolato dall’art 587 del codice civile. Il testamento è un atto revocabile con il quale taluno dispone, per il tempo in cui avrà cessato di vivere, di tutte le proprie sostanze o di parte di esse. Così si può disporre dei bene, anche dopo la morte. L’erede può così diventare proprietario di un bene, senza effettivamente comprare casa.

Testamento: le forme ordinarie

Esistono diverse forme di testamento. Si chiamano testamenti ordinari: il testamento olografo, pubblico e segreto. Il testamento olografo è quello scritto per intero, datato e firmato dal testatore. La firma va in calce al mono scritto e la data specificata per giorno, mese ed anno.

Il testamento pubblico è ricevuto dal notaio in presenza di due testimoni. In questo caso è il notaio a redigere l’atto, ascoltando le volontà del suo cliente. Il testamento deve indicare il luogo, la data di ricevimento, l’ora della sottoscrizione. Inoltre, va sottoscritto, non solo dal testatore, ma anche dai testimoni.

Il testamento segreto può essere sottoscritto dal testatore o da un terzo. Se è scritto dal testatore va firmato solo da lui, mentre se è scritto da terzi deve comunque portare la firma del testatore, foglio per foglio. Quando il testamento è segreto è lo stesso testatore a consegnare al notaio la carta sigillata. Se manca la firma del testatore l’atto viene dichiarato nullo.

Testamento: quando vengono definiti speciali

I testamenti speciali sono quelli che vengono redatti in condizione di emergenza. In altre parole, il testatore non può avvalersi delle forme ordinarie. Decorsi tre mesi dalla cessazione della causa straordinaria, perde efficacia. Spesso infatti, questo tipo di testamento viene detto provvisorio o temporaneo. Esistono quattro tipi di cause definite speciali:

  • a causa di malattie contagiose, calamità pubbliche o infortuni;
  • a bordo di nave;
  • a bordo di aeromobili;
  • dei militari e assimilati.

Testamento: la pubblicità

ll testamento è sottoposto alla pubblicità dell’atto. Infatti, chiunque è in possesso di un testamento olografo, deve presentarlo presso un notaio per la pubblicazione, non appena muore il testatore. Il notaio procede alla pubblicazione in presenza di due testimoni. Non solo, redige in atto pubblico un verbale nel quale descrive l’intera procedura dalla consegna alla sua apertura. Da quel momento in poi è aperta la successione.

Testamento: come si diventa proprietari di un bene?

Chi riceve un immobile in eredità, con o senza testamento, deve comunicare all’Agenzia delle entrate tale passaggio di proprietà. Si parla della voltura catastale. Questa deve essere presentata: dagli eredi, i chiamati all’eredità, i legatari. Ma anche i rappresentanti legali, gli ammessi al possesso, gli eventuali curatori o esecutori testamentari.

Se si diventa volontari per testamento, occorre allegarne copia. In questi casi, oltre ad indicare il pubblico ufficiale, si deve inserire anche la data di pubblicazione del testamento, nonché gli estremi di registrazione dell’atto. Subito dopo, si diventa a tutti gli effetti proprietari di quell’immobile con tutti i diritti ed i doveri che ne comporta.