Taranto: lanciano frigorifero dal balcone a capodanno, indignazione sui social

Taranto: lanciano frigorifero dal balcone a capodanno, indignazione sui social

Frigorifero gettato dal secondo piano di un edificio: a Taranto, nonostante i divieti e le misure anti-covid, il Capodanno è stato pieno di eccessi

Follie della notte di Capodanno: tre uomini di Taranto, mentre nel resto della città si sparano petardi e fuochi d’artificio nonostante l’ordinanza di divieto, hanno ben pensato di gettare un frigorifero dal balcone del proprio appartamento situato al secondo piano di uno stabile. Il video, che contiene le reazioni divertite dei presenti, è stato pubblicato online ed è ora al vaglio degli inquirenti.

Il commento di Angelo Bonelli (VERDI): «Questi comportamenti vanno sanzionati»

Duro il commento del coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli che, pubblicando il video del lancio del frigorifero, ha scritto: "Cara Polizia di Stato, Questura e Procura di Taranto ricevo questo video da Taranto. Pubblico solo questo perché ce n’è un altro, anzi altri, con un minore che spara con una pistola o una scacciacani. Questi comportamenti vanno sanzionati. Non si può tollerare che cittadini perbene debbano subire questi gesti pericolosi e violenti".

«Talmente ritengono tutto ciò legittimo in virtù della loro prepotenza, - conclude Bonelli - che si riprendono con i cellulari e postano i video. Ridono noncuranti di chi ci sia in basso in strada. Una vergogna»

Gli incidenti nella notte di Capodanno a Taranto: danni da oltre 30mila euro

Non è l’unica follia nella notte di San Silvestro a Taranto: secondo quanto riferiscono i giornali locali, un uomo di 39 anni è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Santissima Annunziata per ferite causate da fuochi pirotecnici.

Sempre nella notte di Capodanno, un 30enne si è presentato al Pronto Soccorso per farsi medicare le ferite e le escoriazioni riportate a seguito dell’esplosione accidentale di un petardo trovato per strada.

In via Duca di Genova, una coppia formata da un uomo e una donna è stata accoltellata al culmine di una rissa. L’uomo avrebbe riportato ferite gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita.

In tutta la città, inoltre, si sono verificati numerosi incendi di cassonetti: circa 20 fissi più altri 40 carrellati «porta a porta». Danni da oltre 30mila euro.