Stati Uniti: l’inquilino lascia la casa completamente piena di bottiglie di birra, proprietario incredulo

Stati Uniti: l'inquilino lascia la casa completamente piena di bottiglie di birra, proprietario incredulo

Dopo essere rientrati in possesso di un immobile, i proprietari hanno scoperto che il precedente inquilino aveva abbandonato centinaia e centinaia di bottiglie e lattine di birra in giro per la casa

I proprietari di una società immobiliare texana, dopo essere rientrati in possesso di un immobile dato in affitto, si sono ritrovati davanti a una scena incredibile: centinaia, se non migliaia di lattine e bottiglie di birra accumulate in ogni stanza dell’appartamento, la maggior parte delle quali vuote.

I responsabili, mentre effettuavano un sopralluogo, hanno scoperto che il precedente inquilino aveva lasciato l’appartamento in condizioni disastrose, forse come vendetta per aver ricevuto lo sfratto.

La reazione dei proprietari

«L’unico motivo per cui non abbiamo provato ribrezzo è perché la situazione era così dannatamente divertente», ha spiegato Gino Montalvo a Chron.com.

Lui e suo cugino, Chris Montalvo, sono proprietari della Property Primos, società immobiliare con sede a Corpus Christi, Texas. "Sembrava di essere ritornati al college. Durante i festini c’è la stessa puzza di birra"

I cugini Montalvo gestiscono numerose case nella zona di Corpus Christi. L’immobile in questione era da poco rientrato in loro possesso dopo circa un anno di occupazione abusiva.

Vendetta o corsa alla lattina d’oro:

Gino ha ipotizzato che l’accumulo di Bud Light sia iniziato probabilmente dopo che la Bud Light ha annunciato la promozione «Golden Can», una speciale lattina d’oro che garantisce ai vincitori un accesso a vita agli eventi legati al Super Bowl, uno degli eventi sportivi più attesi negli USA.

Non è noto se i vecchi inquilini siano riusciti a trovare la lattina vincente, certo è che la stavano cercando da un bel po’ visto che molte lattine lasciate sul pavimento erano ricoperte da un denso strato di polvere.

"A dire il vero quando siamo entrati non sembrava una situazione così tragica. Voglio dire, oltre alla puzza di birra non c’erano altri cattivi odori. Addirittura, in bagno, era tutto in ordine. C’era persino la carta igienica ancora sistemata sul supporto!" , ha concluso Gino. I due cugini hanno stimato che ci vorrà almeno una settimana per svuotare la casa da tutte quelle bottiglie di birra.