Star di Tik Tok morta in diretta: la 23enne è caduta da una gru mentre registrava un video

Morta la famosa TikToker di 23 anni, è successo in diretta

Si chiamava Xiao Qiumei ed era molto famosa su Tik Tok in Cina, è morta a soli 23 anni mentre registrava un video in diretta. La 23 enne si stava riprendendo per uno dei suoi seguitissimi video: è caduta da una gru facendo un volo di circa 43 metri.

Star di Tik Tok morta in diretta: è caduta da una gru mentre registrava un video

La notizia della tragica morte di Xiao Qiumei ha sconvolto il web. Il presidente dello Sportello dei Diritti, Giovanni D’Agata, ha commentato: «Strage silenziosa da selfie». La 23 enne, gruista di professione, è caduta mentre ballava.

Il tragico incidente è avvenuto precisamente il 20 luglio a Quzhou, nella provincia di Zhejiang. Xiao era abituata a pubblicare tanti video sulla piattaforma ed era seguita da oltre 100mila follower. Ogni volta si mostrava in cima alla gru dove lavorava e di certo, nessuno avrebbe mai potuto immaginare quello che le è successo qualche giorno fa.

La TikToker stava scattando alcune foto e video mentre era in cima ad una gru alta 43 metri. Nel video si vede lei mentre esegue alcuni passi di danza. All’improvviso la telecamera gira e si sentono le urla, il suo smartphone filma la caduta mentre precipita nel vuoto insieme a lei.

Alcuni testimoni che hanno assistito alla scena hanno assicurato che la ragazza teneva in mano il suo cellulare. Per la sua famiglia invece, la versione è un’altra. Xiao Qiumei era «molto professionale e che teneva sempre il telefono in borsa quando lavorava».

L’appello di Giovanni D’Agata, il presidente dello Sportello dei Diritti

Con la tragica morte di questa giovane ragazza, il presidente dello Sportello dei Diritti ha evidenziato che c’è una strage silenziosa da selfie: «Video e diretta Facebook, una strage continua, una messa in fila di vite sprecate, che davvero è difficile da decifrare con qualsiasi parametro riconducibile al buonsenso della persona umana. Una follia che, come rileva il Rapporto Italia 2019 di Eurispes, in sei anni, nel periodo compreso tra il mese di ottobre 2011 e quello di novembre 2017, ha contato ben 259 vittime, giovanissimi che hanno perso la vita nel tentativo di scattarsi un selfie pericoloso per poi condividerlo sui social».

Secondo uno studio dell’India Institute of Medical Sciences di Nuova Delhi, è emerso che la fascia di età più coinvolta è proprio quella compresa tra i 20 e i 29 anni di cui si contano 106 vittime. Nella fascia 10-19 anni, le vittime sono 76. Per la fascia più alta, dai 30 ai 39 anni, si contano 20 vittime, mentre tra i 50 e i 59 anni, le vittime sono 2.