Autore: Stefano Calicchio

Sondaggi

Sondaggi politici, ecco le ipotesi sulla durata del governo e sul MES

Negli ultimi sondaggi politici gli italiani esprimono il proprio parere sulla sostenibilità dell’attuale esecutivo, ma interessanti rilievi arrivano anche rispetto al tema del MES e dei finanziamenti ai partiti.

Torniamo ad evidenziare le ultime novità in arrivo dai sondaggi politici ed elettorali facendo ricorso ai rilievi in arrivo da un nuovo sondaggio realizzato ad opera dell’Istituto di ricerca Ipsos Srl per il committente ITV Movie. All’interno dell’indagine i ricercatori hanno cercato di verificare qual è l’opinione degli italiani rispetto alla possibile durata dell’attuale governo. Allo stesso tempo si sono approfondite anche alcune tematiche di particolare attualità, come il Mes ed il finanziamento ai partiti politici.

Prima di addentrarci nelle risposte offerte dagli intervistati è necessario però fare alcune importanti premesse di metodo, rendendo evidente ai lettori in che modo sono stati raccolti i dati. Il sondaggio è stato realizzato su 600 interviste complete, mentre i partecipanti sono stati scelti affinché risultassero rappresentativi della popolazione italiana per sesso, età, livello di scolarizzazione e area geografica di residenza. Infine, il possibile margine di errore nelle risposte date è compreso tra lo 0,7% ed il 3,5%.

La fiducia degli italiani rispetto alla durata dell’attuale esecutivo giallo-rosso

Il primo quesito posto all’attenzione degli intervistati ha chiesto di indicare quanto durerà il cosiddetto Governo Conte Bis. Il 22% ha risposto indicando “tutta la legislatura, fino al 2023”, contro il 28% che prevede “ancora un anno o due”. Infine, il 36% indica “poco, in primavera si tornerà a votare”, mentre il 14% non sa o preferisce non rispondere.

Un secondo quesito cercava invece di indagare l’opinione degli italiani sul Meccanismo Europeo di Stabilità, domandando: “si parla molto in questi giorni del cosiddetto MES, dopo lo scambio di aspre accuse tra Matteo Salvini a Giuseppe Conte su questo trattato europeo. Da quanto ha potuto comprendere, secondo lei su questa vicenda, chi ha ragione?”. Il 41% ha indicato il Premier Giuseppe Conte, contro il 24% che ha scelto Matteo Salvini. Il 35% non sa o preferisce non indicare.

Infine, l’ultimo quesito prevede di approfondire un altro tema di grande attualità, ovvero le modalità di finanziamento ai partiti. In particolare, agli intervistati è stato chiesto: “anche Matteo Renzi è al centro dell’attenzione, dopo che alcuni suoi collaboratori sono finiti sotto inchiesta con il sospetto di finanziare illecitamente la sua attività politica. Lei personalmente cosa direbbe di Matteo Renzi?”. Tra le risposte offerte, il 50% delle persone ha scelto “è politicamente finito”, mentre per il 33% Renzi “ha ancora molto da dire”. Infine, il 17% non sa o preferisce non rispondere.