Sondaggi politici Emg - Agorà: Lega e Fdi davanti a tutti, in calo il M5s

Sondaggi politici Emg - Agorà: Lega e Fdi davanti a tutti, in calo il M5s

Nel corso della trasmissione Agorà di Rai 3 sono stati presentati i dati relativi alle intenzioni di voto con data 13 maggio.

Consueto appuntamento con i sondaggi di Emg Acqua nel corso della trasmissione di Rai 3 Agorà. Le rilevazioni sulle intenzioni di voto presentate da Fabrizio Masia hanno rivelato una situazione in cui in vetta alla graduatoria ci sono due partiti di centrodestra. A fronte di una Lega che pare aver acquisito una certa stabilità dopo un periodo in cui non sono mancate le flessioni, si registra un’ascesa costante da parte di Fratelli d’Italia.

Ultimi sondaggi: la Lega tiene la leadership

Il partito guidato da Matteo Salvini è, di fatto, un partito che fa parte della maggioranza eterogenea e di larghe intese che sostiene Mario Draghi. Il Carroccio non ha nascosto, in alcuni frangenti, una posizione diversa rispetto a quella intrapresa dal governo. Basti pensare, ad esempio, a quella che appare un’idea contraria al coprifuoco che continua, invece, a restare una norma finalizzata a contenere il contagio Covid.

Andando a vedere l’oscillazione misurata tra le due rilevazioni Emg datate rispettivamente 6 e 13 maggio, si nota una misurazione del consenso della Lega praticamente stazionario, anche se leggermente in rialzo. Si parla, infatti, di un +0,1% e di una percentuale stimata nel 22,2%.

Sondaggi politici: Fdi in ascesa, M5S con il segno «meno»

Ben più consistente è, invece, l’ascesa di Fratelli d’Italia. Il partito guidato da Giorgia Meloni sta mantenendo il suo status di opposizione al governo Draghi manifestando eventuali riserve sulle azioni messe in campo dall’esecutivo presieduto dall’ex presidente della Bce. Nell’ultima settimana Fdi ha guadagnato addirittura lo 0,9%, passando dal 17.6% al 18,5%.

La crescita di Fratelli d’Italia è tale da rimpiazzare il Movimento 5 Stelle dalla seconda posizione del podio. I grillini perdono lo 0,6% e adesso, secondo il sondaggio Emg, sono al 18,4%.

Pd e Fi stabili

Fuori dal podio c’è, invece, il Partito Democratico. I dem mantengono una certa stabilità se si considera che l’oscillazione rilevata tra il 6 ed il 13 maggio parla di un incremento dello 0,1%. Il Pd adesso è al 16,9%.

Stessa variazione anche per Forza Italia che si conferma alla quinta posizione tra i partiti con una percentuale del 6,9%.

Dando uno sguardo, invece, a quelli che sono i partiti minori si può notare nei numeri una certa stabilità. L’unica variazione significativa può essere considerata quella di Sinistra Italiana che passa dall’1,7% all’1,9%.

Sondaggio Emg, il riepilogo

  • Lega 22,2% (+0,1%)
  • Fratelli d’Italia 18,5 (+0,9%)
  • Movimento 5 Stelle 18,4% (-0,6%)
  • Partito Democratico 16,9% (+0,1%)
  • Forza Italia 6,9% (+0,1%)
  • Italia Viva 4,0% (-0,1%)
  • Azione 3,3% °(+0,1%)
  • Sinistra Italiana 1,9% (+0,2%)
  • Europa Verde 1,6% (=)
  • Articolo 1 1,5% (-0,1%)
  • Cambiamo! 1,3% (=)
  • Più Europa 1,1% (=)
  • Noi con l’Italia 1,1% (=)
  • Altro partito 1,3% (-0,7%)

La percentuale rilevata di coloro i quali sono indecisi o comunque non esprimono una preferenza vale il 40,2%. Una fetta di elettorato considerevole, in cui evidentemente i partii potranno andare a cercare nuovi consensi.