Autore: G.M

Forza Italia - Movimento 5 Stelle - Lega Nord - Sondaggi

4
Nov

Sondaggi: allarme Pd per l’Emilia Romagna, in un mese perso il 5%

I sondaggi continuano ad essere pessimi per il Pd in vista delle elezioni in Emilia Romagna.

Il Pd ormai è in caduta libera dal punto di vista dei sondaggi politici. Da quando è al governo, dopo una leggera risalita nei consensi dell’elettorato, la discesa è costante. In un solo mese ha perduto il 5% dei consensi. Questo ciò che riporta il quotidiano «Repubblica». La situazione si fa sempre più grave e preoccupante, soprattutto perchè alle porte ormai ci sono le nuove elezioni regionali in Emilia Romagna.

Si tratta di una delle Regioni feudo del centrosinistra e perdere anche lì, dopo il duro colpo subito in Umbria lo scorso mese, potrebbe essere determinante per la durata del governo giallorosso. Infatti se il Pd è in caduta ormai da tempo, anche il Movimento 5 Stelle non è da meno. Il peggio è che il centrodestra, soprattutto Lega e Fratelli d’Italia continuano a salire nei consensi e nelle intenzioni di voto degli italiani.

Sondaggi elettorali allarmanti per il Partito Democratico

Sarà l’effetto traino delle elezioni in Umbria, dove per la prima volta Partito Democratico e Movimento 5 Stelle hanno corso insieme e nonostante ciò, hanno perso le elezioni con un distacco di 20 punti percentuali. Oppure sarà per via della manovra finanziaria che, sempre in base ai sondaggi, piace a pochi italiani perchè piena di tasse. Fatto sta che i partiti di maggioranza del governo continuano a perdere in termini di opinione pubblica. Dopo la diffusione degli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto, la preoccupazione, soprattutto nel Partito democratico è ai massimi livelli. Stavolta è Noto sondaggi ad aver messo in luce una rilevazione che dimostra un calo di 5 punti percentuali del Pd nell’ultimo mese.

Il trend è allarmante perchè nello stesso periodo solo la Lega di Matteo Salvini ha guadagnato 3 punti. Il quadro è allarmante, basti pensare che dalle prime rilevazioni in Emilia Romagna il centrodestra sembra essere già avanti al centrosinistra con Movimento 5 Stelle e Partito Democratico ancora insieme. E non è detto che si corra così alle elezioni, perchè Di Maio dopo la netta sconfitta in Umbria ha esposto dubbi e perplessità sulla bontà della scelta di fare corsa con il Partito di Zingaretti per i suoi grillini. Una cosa chiara è che senza andare alle elezioni assieme, la vittoria del centrodestra, con Fratelli d’Italia, Forza Italia e naturalmente la lega, appare scontata.

Le beghe interne al Pd minano i sondaggi

Un fattore determinante alla caduta del Partito Democratico per tutti i sondaggisti è senza dubbio la Legge di Bilancio. Hanno detonato l’aumento dell’Iva, ma allo stesso tempo hanno inserito nel pacchetto di provvedimenti tante piccole tasse che sicuramente incidono negativamente sui sondaggi. E sulla manovra che anche all’interno del Pd le polemiche sono tante ed anche questo è un fattore che mina l’appeal del partito nei confronti dell’elettorato. Sulla cosiddetta plastic tax per esempio, l’attuale governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini è piede di guerra contro il suo stesso partito. L’Emilia Romagna è una delle regioni leader nel comparto degli imballaggi di plastica e la tassa inciderebbe in negativo sututto il settore.

I numeri dei sondaggi

Negli ultimi 30 giorni quindi il Pd ha perso circa 5 punti percentuali. Rimanendo nel campo della maggioranza di governo, i grillini hanno perduto nello stesso periodo e probabilmente per gli stessi motivi, il 3,5%. Liberi e Uguali, il partito di Bersani e della Boldrini e naturalmente di Speranza, Ministro della salute, ha perso l’1%. Unico dato positivo è che Renzi e la sua Italia Viva hanno raggiunto il 6%.

Dopo la crisi nei sondaggi, successiva alla crisi di governo aperta ad agosto da Salvini, la Lega torna a mietere consensi, tornando al 33,2%, che tra l’altro è il risultato che aveva alle scorse elezioni europee. Fratelli d’Italia ormai è al 9%, avendo guadagnato più di un punto in un mese. Sale di più Forza Italia, che ha raggranellato il 2%. La manovra economica è un fardello enorme per la maggioranza di governo dal punto di vista dei sondaggisti. Per il 56% degli italiani, il parere sui provvedimenti contenuti nella legge finanziaria è negativo.