Autore: Antonio 2

Scuola - Concorsi pubblici - Lavoro - Assunzioni

4
Giu 2020

Scuola, concorso straordinario: requisiti, date e novità cambio regione

Decise le modalità del concorso straordinario.

Il concorso straordinario interesserà migliaia di docenti in tutta Italia e ha fatto discutere tanto nei giorni scorsi. L’ultima notizia riguarda l’accordo che è stato raggiunto tra le forze di governo nel cambiare la prova: non più a risposta multipla, ma a risposta aperta.

Dunque, come ormai noto, la prova inizialmente prevista a risposta multipla è stata modificata: sarà a risposta aperta e sempre al computer come inizialmente ipotizzato. La prova sarà differente per ogni classe di concorso. Per quanto riguarda le date, ancora il Governo non si sbilancia. È dato sapere solo che la prova si svolgerà durante l’anno scolastico 2020/2021. Confermata invece la decorrenza giuridica dal 1° settembre 2020 per i vincitori immessi in ruolo nell’a.s. 2021/2022 che sarebbero rientrati nella quota dei posti destinati alla procedura per l’a.s. 2020/2021.

Cambio di regione possibile

La prova scritta potrebbe essere svolta in una regione diversa rispetto a quella corrispondente al posto per il quale il candidato ha presentato la propria domanda. Per i posti comuni i quesiti del concorso straordinario riguarderanno: valutazione delle conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche, capacità di comprensione del testo in lingua inglese. Per i posti di sostegno: metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità valutazione delle conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità comprensione del testo in lingua inglese. I candidati saranno valutati anche su conoscenze informatiche.