Autore: Antonio 2

Coronavirus

Salento, sputi ai Carabinieri: agli arresti domiciliari

Brutta scena ieri in provincia di Lecce. Mentre de un lato le Forze dell’Ordine registrano un calo delle persone uscite di casa senza motivo, che scende attorno al 3%, purtroppo dall’altro non mancano situazioni poco piacevoli. In Italia sono stati effettuati oltre 300.000 controlli e sono scattate 14.000 multe nelle ultime ore. Tra i controlli, c’erano due persone salentine che però hanno reagito male.

I due si sono rifiutati di farsi identificare ed hanno usato violenza nei confronti dei militari, che hanno poi dovuto fare ricorso alle cure del pronto soccorso. Uno dei due automobilisti avrebbe addirittura sputato in faccia a uni de due carabinieri. Fortunatamente entrambi risultano negativi al Covid-19 ma la paura per i militari è stata tanta. Per entrambi gli automobilisti sono scattati gli arresti domiciliari ed oltre ad essere stati arrestati e ristretti ai domiciliari, sono stati multati di 400 euro per non avere rispettato le prescrizioni del governo. I due, di 42 e 47 anni, rispettivamente di Aradeo e Seclì, sono stati arrestati a Neviano, in flagranza di reato, dai carabinieri della stazione locale.

Multati e fermati a fatica: miliari al pronto soccorso

Nella loro vettura sono stati ritrovati: una lama di 8 centimetri e un bastone di 80 centimetri. Il brigadiere e l’appuntato sono stati medicati e giudicati guaribili in 5 e 7 giorni e sono stati curati presso l’ospedale di Gallipoli.