Autore: Antonio 2

Coronavirus

Salento, medico fermato durante un’urgenza: avviato procedimento disciplinare a carico della vigilessa

Aperto procedimento disciplinare a carico della vigilessa di Lecce.

Nei giorni scorsi, la notizia ha fatto il giro del Salento ed è rimbalzata sulle testate giornalistiche. Un medico, attraverso un lungo post su Facebook, denunciava di essere stato trattenuto da un posto di blocco della polizia municipale per circa un quarto d’ora durante un’urgenza in ospedale. Una brutta storia che ha portato il comandante della polizia locale Donato Zacheo, l’assessore Sergio Signore ed il sindaco Calo Salvemini a porgere le scuse al dottore.

Ad irritare molto i cittadini, una domanda che la vigilessa avrebbe posto al dottore: «Anche il giorno di Pasqua fate urgenze?». La vigilessa poi, nonostante il collega chiedesse di lasciar andare il dottore, avrebbe continuato a trattanerlo. Queste informazioni si leggono sul post del dottore, ma non è ancora chiarita la versione della vigilessa. Proprio per questo, è stato aperto un un procedimento disciplinare a carico della vigilessa della polizia locale di Lecce.

Parola alla vigilessa

L’avvio del procedimento disciplinare è un atto dovuto per consentire alla vigilessa di fornire la propria versione sull’accaduto, come giusto che sia. Poi si riunirà la Commissione disciplinare che dovrà valutare se e quali provvedimenti adottare. Nel caso specifico potrebbero esserci (ad esempio) una sospensione temporanea dal servizio o un trasferimento in altre sedi, magari in ufficio spostando così la vigilessa dai controlli stradali.