Roma: Cinghiali ripresi vicino ad una scuola di Monte Mario, genitori preoccupati

Ormai è un fenomeno diffuso in tutta Italia, ma a Roma i cinghiali stanziano vicino a case e scuole.

A Roma non sanno cosa fare per l’invasione di cinghiali che ormai arrivano fino in città a banchettare vicino ai bidoni della spazzatura. Anche Vito Consoli, direttore dei Parchi del Lazio da giorni grida l’allarme. «Non c’è nulla in programma per intervenire a risolvere il problema, non c’è una strategia», queste le parole di Consoli che sono un campanello di allarme eloquente. Nel frattempo il quotidiano romano «Il Messaggero» ancora una volta riporta all’attenzione dell’opinione pubblica un nuovo avvistamento di un branco di cinghiali, stavolta nelle immediate vicinanze di una scuola nella Capitale. Il numero di questi animali in Italia ha superato il milione, stando a quanto riporta il quotidiano. Adesso la paura che possano causare incidenti o magari attaccare persone e addirittura bambini, sta diventando una autentica fobia collettiva.

Roma ne è piena

Sul sito di informazione «affaritaliani.it» si parla di un autentico fenomeno. I cinghiali sono stati ripresi da passanti tra i bidoni della spazzatura nei giardini di Roma, all’Olgiata ed anche a La Storta. Cinghiali anche nelle vicinanze del cetro di allenamento della AS Roma, a Trigoria. Un articolo odierno de Il Messaggero, titola «Genitori in allarme a Monte Mario», proprio in relazione alla presenza di cinghiali che sono stati avvistati tra i rifiuti vicino alle scuole medie Stefanelli, nel quartiere a nord di Roma. La zona è adiacente al parco dell’Insugherata e quindi vicinoa riserve dove i cinghiali ce ne sono in abbondanza, ma ciò che adesso preoccupa i genitori è il fatto che questi animali ormai sono talmente ambientati da stazionare nelle immediate vicinanze della scuola, attirati dai rifiuti e dai bidoni della spazzatura. I genitori degli alunni che frequentano la scuola media Stefanelli in Via Taverna hanno avvertito le autorità auspicando un immediato intervento prima che si verifichino spiacevoli incidenti.

Un problema italiano e non solo romano

Non è un problema solo di Roma Capitale naturalmente, perchè per quanto detto in precedenza, in Italia si conta oltre un milione di esemplari di questi maiali selvatici. Per il direttore dei Parchi del Lazio Vito Consoli, noto esperto in materia e autore di diversi scritti, la situazione in tutto lo stivale è al limite dell’emergenza. Roma è solo la punta dell’iceberg, con cinghiali che ormai possono essere definiti stanziali, cioè ormai sono passati dalla cattività all’insediamento in zone prossime alle vie urbane di Roma come di una moltitudine di altre città italiane. Consoli giorni fa ha detto che le riunioni ed i summit con Comune di Roma e Prefettura sono all’ordine del giorno e che l’argomento cinghiali è sempre in cima all’agenda di questi incontri. Purtroppo però sembra che si brancoli nel buio, perchè non sembra esserci ancora una strategia da adottare per contrastare il fenomeno.